Giovedì, 18 Luglio 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

I respingimenti delle imbarcazioni clandestine sono uno strumento per evitare disgrazie in mare

Leggo con sorpresa - apprezzandone in genere l'equilibrio - che per la presidente Finocchiaro l'Italia, a seguito dei respingimenti, rischia il primato della crudeltà. Dieci anni fa i fondali del Canale di Otranto erano pieni di cadaveri di clandestini che tentavano di arrivare sulle coste pugliesi: le morti in mare sono cessate quando, dopo il 2001, il governo di centrodestra ha ottenuto dalle autorità albanesi il rispetto degli accordi raggiunti dai precedenti governi italiani.

Uno scenario simile si è realizzato sul Canale di Sicilia, ed è stato simile anche il seguito: il governo Berlusconi è riuscito a concordare con le autorità libiche l'applicazione dell'accordo stipulato dal governo Prodi con Tripoli nel dicembre 2007. E' più crudele chi opera i respingimenti e, impedendo a imbarcazioni di fortuna di attraversare il Mediterraneo, impedisce anche le disgrazie e le morti, o chi contrasta i respingimenti, pur concordati dal governo che a suo tempo appoggiava, e quindi lo strumento che da maggio 2009 evita la moltiplicazione delle tragedie? Quanto alle richieste di asilo, per le quali l'Italia è leader in Europa in termini di domande presentate e accolte, perchè l'opposizione non sostiene la proposta del governo italiano in sede UE di istituire apposite commissioni sul territorio libico, d'intesa con le autorità di Tripoli, per svolgere lì l'esame, evitando i viaggi della disperazione, e quindi suddividere i profughi riconosciuti tali per tutti e 27 i partner europei?

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Luglio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 27 1 2 3 4 5 6 7
week 28 8 9 10 11 12 13 14
week 29 15 16 17 18 19 20 21
week 30 22 23 24 25 26 27 28
week 31 29 30 31

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter