Martedì, 18 Giugno 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Lettera aperta dell'On. Prof. Alessandro Pagano ai ragazzi del Liceo Classico "Spedalieri" di Catania

(Tratto da "La Sicilia") - Magnifici Ragazzi

"Ai nostri tempi i ragazzi erano diversi". Quante volte abbiamo sentito frasi del genere. Troppe! E ogni volta esauriamo il problema in maniera rassegnata come se non esistessero risposte e soluzioni, dimenticando in ciò che i nostri figli sono i frutti e noi adulti siamo gli alberi. Le soluzioni in verità ci sono e guarda caso sono gli adolescenti che ce le indicano, anche se paradossalmente sono proprio gli adulti che le rifiutano categoricamente.

Il vostro giornale un anno e mezzo fa lanciò un documento firmato da centinaia di intellettuali dove si confermava l’incapacità da parte di genitori, ed in generale degli educatori, a saper trasmettere riferimenti educativi e valoriali, in altre parole certezze e verità.

Le risposte del preside e dei professori dello "Spedalieri" non ci hanno per niente sorpreso perché dubbio e incertezza su ogni cosa sono diventati elementi di merito e bandiere da sventolare, nonostante le concrete esperienze dimostrino che con questa filosofia di vita si è giunti all’autodistruzione e alla violenza sistematica verso se stessi e verso il prossimo.

Un certo mondo iper-ideologizzato o comunque succube

inconsapevole della cultura relativista, continua ostinatamente ad affermare che "non si hanno verità da trasmettere", continuando così a proporre piatti avvelenati per le generazioni successive.

Le nuove generazioni nel frattempo ci mandano segnali eloquenti. Per esempio, nell’indagine condotta dall’IDIS nelle scuole siciliane nel 2005, la famiglia è giudicata positivamente (82,5%) soprattutto dai ragazzi che dichiarano di accettare le regole e di avere progetti per il futuro.

Invece, il disagio emerge forte soprattutto dove sono presenti tendenze trasgressive e là dove la pedagogia familiare è improntata all’accondiscendenza, anche etica, o alla mancanza di dialogo.

Anche gli esempi che ci vengono dalla cronaca confermano queste tendenze: gli adolescenti che trasmettono tramite MMS le loro scene di sesso sono la prova di una generazione che non ha riferimenti e soprattutto che è invasa dal "nulla".

"Nelle loro coscienze si è perso il carattere del <> e si è assunto paradossalmente il carattere del <>" per usare le parole di Giovanni Paolo II.

Invece l’invocazione di aiuto dei magnifici ragazzi dello "Spedalieri" va colta come segno di speranza; i liceali catanesi ci chiedono certezze sulle grandi domande dell’uomo circa la scienza, la cultura, il lavoro, l’arte, la vita sociale, l’amore, la società e la politica, ma in particolare ci chiedono la verità sulla persona umana, il senso della vita, del nascere e del morire.

Alle obsolete tesi dei maestri del pensiero post sessantottino ci sentiamo di rispondere con le parole di Giovanni Paolo II: che si lavori per "riconoscere la legge morale obiettiva, in quanto legge naturale iscritta nel cuore di ogni uomo".

On. Alessandro Pagano
già Assessore Regionale alla Pubblica Istruzione

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Giugno 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter