Martedì, 23 Aprile 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Attentato di Algeri

Gli attentati di Algeri hanno una gravità inversamente proporzionale all'eco che stanno avendo in Italia. Il numero delle vittime, l'individuazione del giorno (ritorna simbolicamente l'11), l'aver aggredito una sede ONU (con un sinistro rinvio alla strage di Bagdad dell'agosto 2003, nella quale fu ucciso il rappresentante ONU Vieria de Mello), la rivendicazione qaidista, e infine - ma non da ultima - la breve distanza in miglia rispetto all'Italia: sono elementi che non possono lasciare tranquilli.

A essi si aggiunge la circostanza che l'Algeria non è un paese Occidentale, nè - a differenza di altri Stati a maggioranza islamica - è particolarmente vicino all'Occidente; dunque, gli attentati, per l'ennesima volta, non rappresentano la reazione a una presunta oppressione degli USA o dell'UE, ma costituiscono strumento politico per richiamare all'unità dell'Islam in un'ottica ultrafondamentalista. E' troppo chiedere al governo italiano di distogliere per un momento l'attenzione dall'emendamento omofobia e dalla riforma elettorale e di aggiornare sull'entità di una minaccia che è alle porte di casa, sull'altra sponda del Mediterraneo, e su come intende prevenirla?

Sen. Alfredo Mantovano

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Aprile 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 14 1 2 3 4 5 6 7
week 15 8 9 10 11 12 13 14
week 16 15 16 17 18 19 20 21
week 17 22 23 24 25 26 27 28
week 18 29 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter