Domenica, 21 Luglio 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Appello al Governo, firmato anche dall'On. Alessandro Pagano, perchè favorisca il cambiamento democratico in Iran.

 

 

Il regime teocratico iraniano con l'impiccagione di 120.000 persone e con la detenzione e la tortura sistematiche di centinaia di migliaia di prigionieri politici è davvero campione nella violazione dei diritti umani negli ultimi tre decenni.


In Iran giovani, dorme, minoranze etniche e religiose e intellettuali sono sottoposti alle più atroci pressioni. Secondo la relazione di Anmisty Intemationl il numero di impiccagioni nel 2011 è stato il doppio rispetto all'anno precedente.

Il regime iraniano con la sua partecipazione nel massacro del popolo siriano, con le continue ingerenze in Iraq, in Libano, in Palestina e in tutto il Medio Oriente e soprattutto con i suoi testardi tentativi nella produzione delle anni nucleari è la fonte principale d'instabilità e d'insicurezza nella regione e in tutto il mondo.

Considerata la situazione critica del regime iraniano questo è seriamente intenzionato ad annientare la sua opposizione, i residenti nel Campo Ashraf, prima dei rovesciamento del regime di Assad in Siria e del cambiamento dell' equilibrio attuale nella regione. I mercenari del regime iraniano in Iraq già due volte, nel 2009 e nel 2011, hanno attaccato con feroce violenza i residenti del Campo Ashraf, uccidendo 47 persone completamente inermi e ferendone migliaia. Alla fine del 20 Il, in seguito alle pressioni esercitate da parte del governo iracheno, è stato firmate un accordo tra il governo iracheno e l'ONU per lo spostamento dei residenti del Campo Ashraf nel territorio iracheno prima che l'Alto commissariato dell'ONU potesse effettuare le pratiche per la riaffermazione dello status di rifugiato dei residenti di Ashraf necessario per il trasferimento di questi in paesi terzi.

I residenti del Campo Ashraf, nonostante godessero del diritto di permanere nel loro luogo di residenza da più 25 anni, su sollecitazione della signora Maryam Rajavi che si è adoperata per favorire una soluzione pacifica della questione, hanno accettato ed effettuato il trasferimento al campo Liberty.

Nel campo Liberty non ci sono le condizioni di una vita dignitosa: il campo è privo di ogni tipo di

infrastruttura che consenta un livello minimo di standard umanitario: al suo interno c'è una presenza

massiccia di forze armate irachene ed è consentito l'uso di una superficie molto limitata del campo le cui strade non sono asfaltate; a questo si aggiunge la proibizione di entrare e uscire dal campo, la scarsità dell'acqua e di corrente elettrica e l'assenza di una rete di fognatura. Le umilianti pressioni e le assurde perquisizioni durante il trasferimento e l'impedimento di portare beni personali hanno moltiplicato i problemi.

Noi, nel condannare fermamente la continua violazione dei diritti dei dissidenti iraniani in Ashraf e in Liberty, lanciamo un appello all'ONU e agli USA affinché agiscano tempestivamente per migliorare la condizione del campo Liberty, per l'uscita delle forze irachene dal recinto del campo e per consentire ai residenti di costruire le infrastrutture necessarie e ampliare il campo in modo da renderlo abitabile.

Una soluzione possibile e definitiva per liberare la regione e il mondo dal terrorismo e dall'integralismo dei mullà armati con l'atomica è il cambio di regime e l'instaurazione della democrazia in Iran, ciò per cui il popolo iraniano e la sua resistenza organizzata si battono. Il programma in dieci punti della presidente eletta della Resistenza Iraniana e le sue attività democratiche sono il presupposto per un Iran democratico e non atomico, che rispetta i diritti del suo popolo e la pacifica convivenza con gli altri. Riconoscere il diritto del popolo itaniano al cambiamento, la Resistenza lraniana e la sua presidente eletta Maryam Rajavi è un contributo importante alla pace e alla democrazia nella regione. Noi chiediamo al nostro Governo di adoperarsi in questa direzione.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Luglio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 27 1 2 3 4 5 6 7
week 28 8 9 10 11 12 13 14
week 29 15 16 17 18 19 20 21
week 30 22 23 24 25 26 27 28
week 31 29 30 31

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter