Martedì, 23 Aprile 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

@dolcegabbana #dolceegabbana smontano le utopie della dittatura #gender

 

 

 

 

"PILLOLE" 10/2015


 

 

Dolce e Gabbana, coppia di successo della moda internazionale, gay dichiarati, smontano le utopie della dittatura gender

I due stilisti affidano al settimanale Panorama le loro riflessioni sulla voglia di paternità: "Sono gay non posso avere un figlio. Credo che non si possa avere tutto dalla vita, se non c'è vuol dire che non ci deve essere.

È anche bello privarsi di qualcosa. La vita ha un suo percorso naturale, ci sono cose che non vanno modificate. E una di queste è la famiglia”

“Non l’abbiamo inventata mica noi la famiglia. L’ha resa icona la Sacra Famiglia, ma non c’è religione, non c’è stato sociale che tenga: tu nasci e hai un padre e una madre. O almeno dovrebbe essere così, per questo non mi convincono quelli che io chiamo figli della chimica, i bambini sintetici. Uteri in affitto, semi scelti da un catalogo. E poi vai a spiegare a questi bambini chi è la madre. Procreare deve essere un atto d’amore, oggi neanche gli psichiatri sono pronti ad affrontare gli effetti di queste sperimentazioni”. Chi parla é Domenico Dolce, lo stilista che con Stefano Gabbana ha creato un impero della moda. Entrambi omosessuali dichiarati da anni, Dolce & Gabbana hanno smontato le utopie del sempre piu dittatoriale movimento LGBT  e la lobby gay da quel momento ha creato un ostracismo verso i loro abiti.

Consiglio  la visione di questo video 

CAPIRE IL GENDER IN MENO DI TRE MINUTI

https://www.youtube.com/watch?feature=youtu.be&v=Y3hndmjeUhc&app=desktop

@alepaganotwit 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Aprile 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 14 1 2 3 4 5 6 7
week 15 8 9 10 11 12 13 14
week 16 15 16 17 18 19 20 21
week 17 22 23 24 25 26 27 28
week 18 29 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter