Lunedì, 19 Novembre 2018

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

High Tech e Beni Culturali

La tecnologia per la valorizzazione dei Beni Culturali

La Sicilia, per mettersi al passo con il resto del paese, deve diventare una sorta di "laboratorio aperto" nel quale innovazione tecnologica e sperimentazione di nuove frontiere della valorizzazione e fruizione del nostro patrimonio culturale si fondano in un’unica e armonizzata realtà. Il che vuol dire che dall’anno zero, in termini di applicazioni tecnologiche in cui siamo attualmente, ci proietteremo, nel breve volgere di qualche anno, molto più avanti di quanto potranno essere tanti altri posti nel mondo, che hanno cominciato questo percorso prima di noi.

La nostra fortuna, infatti, è avere una terra ricca di meraviglie archeologiche, artistiche, architettoniche che ci permette di offrire una valida e remunerativa pietra di scambio a chi intende investire in tecnologia. Ovviamente questo non significa "svendere" il nostro patrimonio ma piuttosto rivitalizzarlo e valorizzarlo così da assicurare decenni di tranquillità e benessere a tutto il settore. I possibili accordi con gli esperti che verranno in Sicilia, infatti, prevedono l’impegno, da parte loro, a trasferire il necessario know how correlato alla fruizione a forze già presenti sul territorio. Con importanti ricadute anche nel campo dell’occupazione.

I concetti-base da cui partire sono la gestione ai privati, Edutainment e Comunicazione. La gestione ai privati è la base più logica se si vuole avviare una nuova vita dei beni Culturali in Sicilia.

La storia, infatti, ha dimostrato che lo sfruttamento "a regime" dei tanti siti archeologici, monumenti, luoghi storici, quanti ne ha la nostra regione, è veramente possibile solo se affidata a soggetti professionalmente qualificati, estranei alla Pubblica Amministrazione, che garantiscano costantemente "immediatezza" e "dinamicità" nell’offerta, qualità che fino ad oggi sono un mancate.

Poi c’è la questione dell’Edutainment, parola inglese che è la crasi di Education and Entertainment, letteralmente, Educazione ed Intrattenimento.

Cioè, il turista deve imparare divertendosi. Deve godere delle bellezze storiche della Sicilia, non solo osservandole dal di fuori, acriticamente e supinamente, come spesso accade, ma "vivendole", nel vero senso della parola, calandosi nel contesto di riferimento, storico, sociale, artistico.

E questo, con l’aiuto dell’alta tecnologia e della realtà virtuale, degli esperti di comunicazione e dei divulgatori, lo stiamo già facendo e continueremo a farlo sempre di più. La nostra volontà è quella di "accompagnare" il turista prima, durante e dopo la visita ad un luogo storico, permettendogli di fare una piacevole passeggiata indietro nel tempo.

Ultimo, ma non per importanza, il punto relativo alla comunicazione. Valorizzazione "è" anche comunicazione. Se si opera per dar lustro ad un Bene e non si lavora per farlo sapere alla comunità rischia di essere tutta fatica sprecata.

Dunque abbiamo implementato e rafforzato i canali della comunicazione, soprattutto quelli della stampa, specializzata e non. Contemporaneamente abbiamo iniziato una massiccia opera di sensibilizzazione delle comunità locali che, in futuro, avranno il delicato compito di accogliere nel migliore dei modi i turisti che verranno a visitare i nostri Beni.

Non è un caso, quindi, se abbiamo spinto fortemente affinché il Satiro di Mazara del Vallo diventasse il simbolo dell’Italia all’Esposizione Universale in Giappone. Nel Paese, per eccellenza, dell’alta tecnologia l’Italia ha deciso di presentarsi con il suo vero volto, quello della tradizione e dell’arte. Una scelta che premia la Sicilia attribuendole davanti alla comunità internazionale il ruolo incontestabile di cuore pulsante di una civiltà che attraverso la cultura si rinnova.

Tutto ciò riassunto nel nostro logo "Identità è Futuro" che è il denominatore comune delle nostre iniziative perché non ci può essere futuro senza una precisa identità, non si può costruire una identità senza pensare agli effetti che si desidera produrre in tempi futuri

Le tecnologie Trenchless per la difesa del Patrimonio

La difesa del patrimonio culturale ed ambientale sfruttando le tecnologie Trenchless che consentono di operare in modo non invasivo all’interno delle aree di valore archeologico e, più in generale, nei centri storici.

Il progetto è stato presentato nel corso del convegno "Sviluppi ed opportunità delle Tecnologie NO-dig nei paesi del Mediterraneo" che si è tenuto il 13 e il 14 aprile 2005 a Palazzo Belmonte Riso, a Palermo.L’iniziativa è stata organizzata dall’Assessorato regionale ai Beni Culturali ed Ambientali in collaborazione con la IATT (Italian Association for Trenchless Technology). Il convegno sarà articolato in tre momenti principali, che esamineranno le seguenti tematiche:

- "Le TrenchlessTechnologies quale strumento di sviluppo per gli Enti Locali nella gestione del territorio"

- "La Sicilia come Hub Europeo per i paesi del Mediterraneo"

- "Confronto tra operatori economici ed esponenti politici con i rappresentanti dei paesi del bacino del Mediterraneo che saranno nostri ospiti"

Si svolgeranno, tra l’altro, due sessioni di lavoro dal tema "Le Trenchless Tecnologies quale strumento di sviluppo nella gestione e la tutela del territorio" e "La Sicilia come Hub Europeo per i Paesi del Mediterraneo. Essa volta ad ufficializzare il ruolo di IATT, quale associazione di riferimento dell’ISTT (The International Society For Trenchless Technology) verso i paesi del bacino del Mediterraneo, rappresenta soltanto il primo step di una collaborazione futura, e sarà patrocinato da IRFIS (Mediocredito Sicilia), Ministero Trasporti e Ministero attività produttive.

L’iniziativa della IATT è un’opera meritoria nel campo dello sviluppo di nuove tecnologie che possano fungere da strumenti di crescita per la gestione del territorio, in quanto prevedono innumerevoli opportunità di progresso economico e sociale. In questo ambito, la Sicilia si propone come trampolino di lancio per gli altri paesi del Mediterraneo, sia per la sua posizione strategica al centro del bacino turistico più importante del pianeta, che per la sua ricchezza naturalistica, paesaggistica e monumentale. Può rappresentare inoltre una notevole opportunità per il comparto industriale siciliano e più in generale come base di collaborazione e sviluppo per le imprese della nostra regione con gli altri paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

IATT e l'Assessorato Regionale ai Beni Culturali ed Ambientali della regione siciliana contribuiranno a trasferire a progettisti e general contractors una notevole dose di innovazione tecnologica, a far ottenere agli operatori dei servizi di pubblica utilità interessanti vantaggi economici e, infine, a concorrere al miglioramento dell’ambiente e al benessere dei cittadini, evitando disagi sociali, solitamente procurati dalle tecniche di scavo tradizionali.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Novembre 2018 Prossimo mese
L M M G V S D
week 44 1 2 3 4
week 45 5 6 7 8 9 10 11
week 46 12 13 14 15 16 17 18
week 47 19 20 21 22 23 24 25
week 48 26 27 28 29 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter