Mercoledì, 18 Settembre 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

ISMETT: Una storia siciliana tutta da raccontare




È toccato ad un Avvocato di Bologna di 40 anni, dare la sua toccante testimonianza sul suo trapianto di polmone.
E’ toccato a lui perché l’Avvocato Giovanni Pignatelli, questo è il suo nome, è stato il millesimo trapiantato dell’ISMETT, il Centro Trapianti con sede a Palermo. Ed è stato bello sentire dalla sua voce che uno degli interventi chirurgici più difficili al mondo, non solo era perfettamente riuscito, tant’è che era lì vivo e pimpante, ma anche che i suoi due mesi di permanenza a Palermo dovuti all’intervento e al post-intervento sono stati vissuti con una qualità della vita inimmaginabili da lui stesso fino a qualche mese prima.


Parole che potrebbero sembrare esagerate ma che fanno il paio con quelle dell’Arcivescovo di Palermo, S.E. Mons. Paolo Romeo “l’ISMETT rappresenta luce e speranza proprio in un momento in cui la speranza sembrava si stesse perdendo”.
Mai parole sono state così sagge. Palermo grazie all’ISMETT è diventata una delle capitali del mondo, almeno nel campo dei trapianti.
Sentite le statistiche: la sopravvivenza dei pazienti dopo  un anno dall’intervento di fegato è dell’87,3% pari, o addirittura superiore alle medie italiane, europee e statunitensi.
I pazienti sono per l’87% siciliani, il restante 13% viene dal resto dell’Italia, di questi addirittura il 3,6% viene da altre parti del mondo.
Avete capito bene! Vengono dal resto d’Italia e dal mondo in Sicilia, per farsi trapiantare il fegato, il cuore, il polmone o il pancreas, il 13% dei pazienti e la tendenza è in enorme aumento.
L’ISMETT dice con orgoglio Bruno Gridelli, Direttore dell’Istituto, è “ai vertici mondiali per gli interventi al fegato in laparoscopia e per i pazienti con malattie di organi solidi e HIV positività. Negli ultimi 2 anni il Centro Trapianti siciliano non si limita più a ricevere Know-how dalla casa madre (il Centro Medico della Università di Pittsburgh: UPMC), ma è diventata esso stesso produttore di Know-how che ora viene divulgato nella Regione Sicilia, in Italia e nel mondo”.
E tutto questo con personale in larga maggioranza siciliano (solo per fare un esempio l’equipe dei medici chirurghi è per il 70% “made in sicily”) .
Ha ragione Laura Raimondo, Managing Director, di UPMC Italy and Vice – presidente per i Rapporti Internazionali di UPMC Italy, che da quel lontano 1996 è il partner dell’ISMETT: “L’ISMETT di Palermo oggi è una opportunità per i giovani non solo siciliani che possono realizzare una produzione scientifica di eccellenza in uno dei centri medici più all’avanguardia del mondo”.
E tutti guardano con curiosità al prossimo anno, quando all’ISMETT verrà riconosciuto dal Ministero della Sanità lo status di IRCSS, cioè diventerà Istituto di Ricerca Scientifica. Fatto questo strameritato, visto che è stato riconosciuto dall’intero mondo scientifico.
L’Università di Pittsburgh ha detto la brava manager è “pronta a fare da locomotiva per il pieno inserimento del Centro Trapianti di Palermo nella rete globale della ricerca scientifica”.
“Il nostro obiettivo – ha continuato - adesso è quello di far crescere il territorio tutto”. Parole prudenti, fiduciose ma anche cariche di certezza. Infatti già a dicembre partirà la gara per la costruzione di RI.MED., il Centro Ricerca del Mediterraneo nato sempre con la partnership di UPMC e della Università di Pittsburgh e per la componente italiana la Presidenza del Consiglio dei Ministri, la Regione Siciliana e il CNR, che vedrà le migliori energie del mondo concentrarsi a Palermo-Carini per la ricerca BIOTECH.
Come è stato detto, in occasione della presentazione del traguardo del 1000° trapianto, non è facile fare le cose assieme in Sicilia. Allora, in quel non lontano aprile 1997 le sinergie fra molti uomini di buona volontà realizzarono quello che oggi è uno dei fiori all’occhiello di questa complicata ma pur sempre straordinaria Sicilia. E oggi come allora, con RI.MED. si vuole completare una filiera che porterà ricchezza e sviluppo alla Sicilia tutta.
A fine mattinata, tra gli abbracci e le contenute soddisfazioni, ci ha pensato Ugo Palazzo, da sempre una delle anime dell’ISMETT a chiudere in bellezza: “al di là dei risultati scientifici, quello che è venuto fuori in questi anni è l’infinito Amore che abbiamo messo nel nostro lavoro e che abbiamo riversato ai nostri pazienti”.
… E ora, a maggior ragione, ci siamo convinti che nonostante il difficile momento, la Sicilia e l’intero Paese, con questo metodo e con queste energie umane, ce la faranno ancora una volta!

 

Alessandro Pagano      

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Settembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter