Sabato, 16 Febbraio 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Una nuova Democrazia Cristiana? Bagnasco dice no !

 

 

Interessante articolo di Stefano Fontana apparso su l'Occidentale del 18.10.2011 a commento sul Forum dei movimenti cattolici di Todi. Il titolo è redazionale 


Il 18 Ottobre u.s. a Todi, il presidente della Conferenza Episcopale Italiana, il Cardinale Bagnasco ha spiazzato tutti e ha fatto fallire il minidisegno neodemocristiano.

Bagnasco ha fatto capire che una nuova fase dell’impegno dei cattolici in politica non può nascere dalla contingenza di un governo debole e di una opposizione ancora più debole, né può derivare da esigenze tattiche proprie di un periodo di transizione politica. Da tutto ciò possono nascere prurito e agitazione ma non idee chiare e progetti di ampio respiro.

Al forum di Todi [...] si sono riuniti a porte chiuse per discutere di cattolici e politica.   Molti si erano spinti a dire che ne sarebbe uscito un nuovo partito cattolico. La galassia cattolica era in agitazione come non mai e siccome è una galassia molto composita tutti si aspettavano il sigillo di conferma sulla propria prospettiva politica. Si diceva che la “fine dell’era berlusconiana” poneva ai cattolici un problema di identità e di collocazione politica.

Casini, Fini e Pisanu davano da intendere che era venuto il momento del Grande Centro o del Partito della Nazione.  I cattolici del PD contavano addirittura che da Todi venisse la spallata al governo Berlusconi. Tutti calmi: non è successo niente di tutto questo. Perché per fortuna è successo di più.

A Todi il Cardinale Bagnasco, presidente dei vescovi italiani, ha fatto forse il suo più bel discorso da quando occupa quel ruolo. Ha spiazzato ex democristiani, neo democristiani e post-democristiani.

Il Cardinale Bagnasco ha detto soprattutto tre cose, le ha dette bene e con grande autorevolezza in un discorso che lascerà il segno e che farà letteratura.

La prima è che l’origine dell’impegno politico dei cattolici sono la fiducia in Cristo e l’Eucaristia. Non è immedesimandosi al mondo che essi fanno il loro dovere. Il primato dello spirituale impedisce ai cristiani di omologarsi alla cultura dominante. Con ciò egli ha messo i puntini sulle i, ad un appiattimento su proposte culturali troppo secolarizzate e ad una spiritualità troppo individuale, che non si vede e che non dà frutti pubblici. Ha criticato un impegno qualunquista di tante associazioni cattoliche che di cattolico hanno solo una piccola frase nell'articolo 1 del loro statuto.

La seconda cosa è che egli ha criticato "il primato della testimonianza silenziosa e della neutralità rispettosa", ribadendo che la fede in Cristo porta con sé implicazioni "antropologiche, etiche e sociali". In altre occasioni aveva detto che quella cristiana non è una “fede nuda”, ma che porta con sé una visione di persona, di morale, di convivenza e non può andare d’accordo con tutte le opinioni mondane in materia. Ha quindi tolto il terreno sotto i piedi ai cattolici “adulti”, che quando entrano nella sfera pubblica sostituiscono la fede della Chiesa con la coscienza personale, il Vangelo con la Costituzione.

Infine la terza cosa, la più importante dal punto di vista della linea politica. Molti pensavano che a Todi emergessero i temi sociali, dalla crisi economia alla disoccupazione. E speravano che in questo modo si mettessero in secondo piano i "principi non negoziabili" (difesa della vita, centralità  della famiglia, libertà di educazione, cioè parità scolastica) dalla cui presa molti cattolici vorrebbero liberarsi (*).

Il tema è di notevole importanza. L’8 ottobre scorso, per esempio, i Vescovi francesi hanno pubblicato un documento, in vista delle elezioni presidenziali del 2012, ove fanno un elenco di “valori” senza però prospettare una gerarchia. Molti speravano in qualcosa del genere.

Il Cardinale Bagnasco, invece, ha parlato anche di crisi economica e sociale ma ha fatto una chiara gerarchia di importanza: "Nel corpus del bene comune non vi è un groviglio di equivalenze valoriali da scegliere a piacimento, ma esiste un ordine e una gerarchia costitutiva". In altre parole: il tema della vita non ha la stessa importanza di quello della disoccupazione. Tradotto in scelte politiche: prima devo guardare chi salvaguarda i principi non negoziabili, che costituiscono lo "spartiacque tra l’umano e il suo contrario" e poi devo guardare alle questioni sociali ed economiche che amettono una pluralità di soluzioni, di destra o di sinistra. In conclusione, il tentativo di appiattire i cattolici sul dopo Berlusconi e sulla prevalenza dei temi economico-sociali rispetto ai principi non negoziabili – insomma il tentativo neodemocristiano –  è fallito !

(*) Nello stesso giorno in cui il Card. Bagnasco afferma ciò, il direttore del Corriere della Sera Ferruccio De Bortoli, invitato al Forum, invitava i cattolici,in un editoriale del Corriere, ad entrare significativamente in politica rinunciando ai principi non negoziabili.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Febbraio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 5 1 2 3
week 6 4 5 6 7 8 9 10
week 7 11 12 13 14 15 16 17
week 8 18 19 20 21 22 23 24
week 9 25 26 27 28

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter