Giovedì, 27 Luglio 2017

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

#migranti: "Sindaco #Caltanissetta alzi barricate con #Governo , no a nuova #CalaisdEuropa"

 

 

 

 

"Il sindaco Ruvolo se fosse onesto intellettualmente e avesse davvero rispetto per i suoi concittadini, non esprimerebbe "rammarico" per le decisioni sui migranti imposte e calate dall'alto da quel governo di cui è politicamente complice, ma alzerebbe le barricate.


 

Ruvolo sa bene che solo il 5 per cento dei migranti che arriva sulle nostre coste scappa dalla guerra, mentre oltre l'80 per cento scappa dalla povertà. Si tratta di migranti economici e quindi tecnicamente clandestini. Di quegli 800 ospiti attualmente tra il Cie e il Cara del nisseno, solo 40 otterranno lo status di rifugiato.

Il resto rischia di ingolfare il già precario sistema di accoglienza, a spese anche dei due milioni circa di siciliani che si trovano in povertà assoluta. E andranno, inoltre, ad alimentare il circuito della delinquenza, facile preda del proselitismo jihadista. Ricorda qualcosa Amri, il killer di Berlino, che passò proprio dal centro di Caltanissetta? E allora Ruvolo batta i pugni e inizi a ribellarsi a questa invasione.

Caltanissetta rischia di diventare la nuova Calais d'Europa. Questi migranti bisogna aiutarli sul posto, direttamente in Libia e nei paesi di origine. Altrimenti questo lassismo della sinistra continuerà ad essere un incentivo alle partenze e quindi alle morti. E anche Ruvolo con la sua inerzia alla fine dovrà fare i conti con la propria coscienza". Così il deputato Alessandro Pagano della Lega-Noi con Salvini, coordinatore della Sicilia occidentale.

@alepaganotwit

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Luglio 2017 Prossimo mese
L M M G V S D
week 26 1 2
week 27 3 4 5 6 7 8 9
week 28 10 11 12 13 14 15 16
week 29 17 18 19 20 21 22 23
week 30 24 25 26 27 28 29 30
week 31 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter

Login Form