Venerdì, 20 Luglio 2018

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

#venezuela: #mozione bipartisan. Continua repressione. Inevitabili sanzioni a #Maduro da comunità internazionale

 

 

 

 

 

“Il Venezuela è sull'orlo di un punto di non ritorno, tra la politica repressiva del presidente Maduro e il rischio di una guerra civile permanente”.


 

 

 

È quanto dichiara il deputato Alessandro Pagano della Lega, firmatario di una mozione bipartisan che sarà depositata la prossima settimana e che “è già stata sottoscritta da oltre venti parlamentari di molti partiti”, con prima firma Giancarlo Giorgetti, poi Gelmini, Palese, Palmieri, Rampelli, Buttiglione, Polidori, Binetti, Bueno, Menorello, Destasio e altri.

“Il Governo Gentiloni – prosegue - deve intervenire con forza e determinazione nelle competenti sedi internazionali, affinché si eserciti la necessaria moral suasion su Maduro per riportare la pace e l'ordine democratico nel Paese, in cui vive da generazioni una forte comunità italo-venezuelana.

Lo scorso 16 luglio, mediante un referendum, 7 milioni e 600 mila venezuelani hanno detto no al disegno dittatoriale di Maduro che domenica intende convocare un’Assemblea nazionale costituente per vanificare il potere del Parlamento, eletto democraticamente nel dicembre 2015. È chiaro che - conclude Pagano -  se Maduro dovesse invece persistere nella repressione delle legittime aspirazioni del popolo venezuelano, già costata la vita a molti cittadini, non sarebbero più procrastinabili sanzioni rigorose nei confronti del suo governo da parte della comunità internazionale”.

 

Roma, 29 luglio 2017

@alepaganotwit

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Luglio 2018 Prossimo mese
L M M G V S D
week 26 1
week 27 2 3 4 5 6 7 8
week 28 9 10 11 12 13 14 15
week 29 16 17 18 19 20 21 22
week 30 23 24 25 26 27 28 29
week 31 30 31

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter