Martedì, 16 Luglio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Le cause dell'emergenza sicurezza

I recenti provvedimenti del governo Berlusconi sull’utilizzo dei militari e delle impronte digitali ai bambini rom, sono delle misure per cercare di arginare il fenomeno della criminalità. Com’era prevedibile, i provvedimenti hanno scatenato furibonde critiche, dai soliti militanti di sinistra ma anche da certo mondo cattolico, prigionieri del bieco e vecchio ideologismo sessantottino. La sicurezza in Italia è una vera emergenza, é impossibile non vedere.

Basta sfogliare un giornale o guardare un Tg televisivo qualsiasi per verificare. Famiglie oltraggiate nelle proprie case per le rapine subite. Anziani costretti a non uscire di casa, perché il quartiere è perennemente occupato da soggetti pericolosi. Donne che rischiano di essere molestate se rientrano a casa dopo il tramonto. Qualcuno ha obiettato che i ladri e gli assassini ci sono sempre stati e che sono una costante della storia dell’umanità e poi oggi pare che ce ne sono di più perché i mass media diffondono ogni particolare dei crimini. "Per anni ci si è crogiolati in questa interpretazione rassicurante, da sociologi dilettanti, funzionale a una visione progressiva della storia. Con il risultato che il male – cioè della diffusione della criminalità – ha potuto dilagare indisturbato". (Mario Palmaro, Sicurezza: emergenza nazionale, luglio-agosto 2008 Il Timone). Molti si sono chiesti perché è accaduto tutto questo, certamente non siamo diventati più "cattivi", ontologicamente più predisposti a delinquere.

Proviamo ad individuare alcune cause che hanno scatenato questa violenza diffusa nel nostro Paese. La prima mi sembra di carattere giuridico: il ‘68 ha distrutto il principio di Autorità, in particolare quello del diritto penale; non viene più insegnata l'obbedienza e ognuno vive nell’anarchia più totale.

E’ entrata in crisi la certezza della pena. Chi delinque deve essere punito ma non è sempre così e spesso le sanzioni penali appaiono inadeguate e irrisorie. E così gli assassini di Aldo Moro e la sua scorta, oggi sono tutti in libertà; oppure le tre ragazze che hanno trucidato a colpi di pietra suor Laura Mainetti sono già tutte fuori dal carcere. Non aiuta ad uscire dall’emergenza, quella mentalità demagogica che sostiene che è "meglio costruire scuole che carceri". Ovvio che bisogna recuperare i ragazzi violenti, che hanno commesso dei crimini, ma le carceri servono e devono essere capienti e moderni, come servono più uomini delle forze dell’ordine addestrati e più efficienti. A questa causa si può abbinare quella di colpevolizzare la vittima e non il colpevole.

"[…]molti opinionisti – spesso eredi del fallimento marxista – sembrano avere mille giustificazioni per chi delinque, dimenticandosi totalmente della vittima e dei suoi familiari. Se poi il rapinato ha reagito agli aggressori, magari sparando, rischia due processi: quello mediatico e quello penale". (Ibidem).

Infine tra le cause della diffusione della criminalità non si può ignorare la dissennata politica immigratoria che finora è stata attuata dalla nostra classe politica; abbiamo assistito spesso impotenti al flusso incontrollato di immigrati, tra questi sicuramente ci sono persone in cerca di lavoro, ma altre andranno a riempire quelle sacche di criminalità che vediamo nelle nostre città. In ogni modo di fronte al dilagare della criminalità lo Stato deve fare la propria parte, tornando a presidiare paesi e città, infliggendo pene certe e più serie, occorre convincersi che questo non basta, serve soprattutto riscoprire il senso religioso della vita per costruire un nuovo umanesimo.

Mi pare che i primi passi del IV° Governo Berlusconi vadano proprio in questa direzione.

Alessandro Pagano

Domenico Bonvegna

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Luglio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 27 1 2 3 4 5 6 7
week 28 8 9 10 11 12 13 14
week 29 15 16 17 18 19 20 21
week 30 22 23 24 25 26 27 28
week 31 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter