Martedì, 25 Giugno 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

LA FRANCIA È IL GRANDE NEMICO DELL’EUROPA, MA SOPRATTUTTO DELL’ITALIA.

 

 

 

 

 

 

 

IL PRESIDENTE MELONI STIA MOLTO ATTENTA AL NUOVO ASPIRANTE NAPOLEONE. PERCHÉ?


Perché Macron non solo ha seguito l’esempio scellerato di tutti i suoi predecessori, ma addirittura ha radicalizzato il pensiero di questa Francia sempre più laicista, antireligiosa, super colonialista e guerrafondaia !

In ordine negli ultimi mesi ha deciso:

1) di inserire l’aborto nella costituzione francese;

2) di inviare 2000 soldati in Ucraina a sostegno di Zelensky;

3) di tagliare i fondi a sostegno degli agricoltori;

4) di aumentare le spese militari pur in presenza di una esplosione del suo debito pubblico;

5) di richiamare esplicitamente l’uso delle armi nucleari contro la Russia, non solo per motivi difensivi, ma anche offensivi;

6) di continuare ad agire e a fare dichiarazioni non solo quale capo dello Stato francese, ma anche e soprattutto quale componente di spicco e aspirante leader assoluto della UE e della NATO (stante la assoluta debolezza della Von der Layen e della leadership tedesca), pienamente consapevole che GLI STATI EUROPEI SONO LEGATI TRA LORO DA IMPEGNI E TRATTATI CHE TENGONO I COMPONENTI TUTTI BEN STRETTI (mi si consenta il paragone, come una cordata di alpinisti sono legati durante la scalata in parete).

Quanto precede evidenzia la pericolosità del personaggio e che, se la guerra si combatte anche attraverso l’informazione, la priorità numero uno oggi diventa quella di tenere a bada il figlio spirituale della famiglia Rothschild.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Giugno 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter