Martedì, 25 Giugno 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Turismo a Caltanissetta, fattore di sviluppo economico locale: utopia o realtà?

Turismo a Caltanissetta, fattore di sviluppo economico locale: utopia o realtà?

(Convegno organizzato da: Istituto Tecnico Commerciale "M. Rapisardi" Caltanissetta; Università di Palermo; Università di Catania; Assindustria CL)

Fra gli intervenuti: Prof. Marcello Conigliaro (Docente Facoltà di Economia del Turismo Università di Palermo); Prof. Salvatore Di Bella (Preside Facoltà Relazioni Pubbliche, Consorzio Universitario di Caltanissetta); Altri.

Sintesi della relazione dell’On.le Alessandro Pagano – Assessore Regionale al Bilancio e Finanze

L’edizione 2003 del Rapporto sul Turismo in Sicilia, realizzato da Mercury per l’Assessorato Regionale del Turismo, delle Comunicazioni e dei Trasporti evidenzia che Caltanissetta insieme con Enna, il fanalino di coda del sistema turistico regionale, con una situazione che sinteticamente può essere espressa attraverso il peso delle presenze nella provincia sul totale regionale, pari al 1,2% (Alberghiero 1,3%, Extralberghiero_0,8%) ed attraverso l'offerta in termini di ricettività, alberghiera ed extralberghiera. che vede Caltanissetta al penultimo posto, con l’1,8% dell'offerta complessiva, seguita, anche in questo caso, da Enna (1,0%).

Eppure una serie di informazioni contenute nello stesso rapporto Mercury inducono a ritenere che il territorio di Caltanissetta, presenti alcune precondizioni sulle quali è possibile programmare e realizzare uno sviluppo sotto il profilo turistico. Tali precondizioni possono essere individuate con riguardo a 7-8 ambiti fondamentali.

a) Le aspettative dei turisti

Con riguardo il primo aspetto, il rapporto Mercury evidenzia che, sebbene_il 68,7% dei turisti che hanno trascorso un periodo in Sicilia indichi come principale motivo de proprio viaggio nella regione il soggiorno a mare, un numero rilevante di visitatori indica come prevalente motivazione il desiderio di relax a contatto con la natura (55,2%) e il desiderio di conoscere la cultura, la storia ed il folklore dei luoghi (54,9%). Altro dato riguardante i turisti è la maggior permanenza media rispetto ai valori del resto della regione.

Passando dal fronte della domanda a quello dell’offerta ci si chiede se il territorio di Caltanissetta abbia risorse tali da consentire la predisposizione di un "prodotto turistico" capace di rispondere alle aspettative dei potenziali clienti.

Sul piano delle risorse naturalistico-ambientali il territorio gode della presenza dell’Alta Valle dei Platani, per la cui valorizzazione in chiave turistica è stata avviata una sperimentazione nell’ambito del P.O. Industria Artigianato e Servizi alle imprese 1994-1999, dando vita al progetto SLOT (Sistema Locale di Offerta Turistica) che ha interessato le amministrazioni comunali di Campofranco, Marianopoli, Milena, Mussomeli, San Cataldo, Serradifalco e Sutera, insieme all’AAPIT di Caltanissetta e ad altri organismi territoriali. Ma a questo si accompagna un territorio generalmente caratterizzato dalla presenza di attività a basso impatto ambientale e quindi adeguato ad accogliere e sviluppare forme di turismo ambientale.

b) Le risorse presenti sul territorio

Con riguardo alle risorse di ordine culturale, lo stesso rapporto Mercury evidenzia che la provincia di Caltanissetta dispone del 9,4% dei Musei e Gallerie dell’Isola (a pari merito con Agrigento, Enna e Messina; precedute da Palermo e Siracusa, con il 21,9%, e seguite da Catania, Ragusa e Trapani con il 6,3%); del 15,4% delle aree archeologiche (al pari di Agrigento e Catania; precedute soltanto da Messina con il 17,3% e seguite da tutte le altre province con valori che vanno dal 11,5% di Palermo all'1,9% di Enna).

Nel complesso, tra musei ed aree archeologiche, Caltanisetta copre il 13,l% del totale regionale, collocandosi, al pari di Agrigento, in terza posizione e preceduta da Palermo (15,5°/o) e Messina e Siracusa (entrambe al 14,3%).

Una delle principali risorse indicate dal rapporto è costituita dalla montagna di Sabucina – che nell’antichità ha ricoperto un’importanza strategica per il controllo militare e commerciale della Sikania -, con il suo Antiquarium, che conserva le sezioni e le planimetrie dell’abitato dall’età del bronzo antico all’età romana;

c) Aumentare il numero di turisti soprattutto attraverso la destagionalizzazione. La gestione degli "eventi". Creare "eventi" significa costruire turismo.

d) Aumentare la qualità e i servizi dei circuiti alberghieri e turistici.

e) Circuito Turistico Integrato; - Filiera; - BB.CC. Il salto qualitativo: dall’autoreferenzialità alla ricchezza economica.

f) Investimento Alberghiero da parte dei Comuni. L’esperienza di Palermo (7 nuovi alberghi di lusso nel centro storico).

g) Istituto Alberghiero Caltanissetta promosso negli anni passati per generare mentalità turistica e professionalità.

h) La rivoluzione culturale: i giovani protagonisti.

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Giugno 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter