Venerdì, 23 Febbraio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Un mito verso la modernità

(Tratto da: "MF") - Conservazione e fruizione sostenibile al centro del meeting internazionale sui luoghi di spettacolo nell’area del Mediterraneo. Tra gli interventi, quello del cantante Baglioni . Dal 13 al 18 ottobre a Siracusa incontro sulle strutture teatrali antiche

L’incontro fra il passato delle strutture teatrali antiche e la modernità delle rappresentazioni di oggi. Un incontro che non è solo legato all'attualità degli antichi insediamenti, rivalorizzati come strutture di attrazione turistica, ma anche un modo per identificare criteri e strategie comuni che possano costituire una prima ipotesi di protocollo di «conservazione programmata» degli stessi siti, secondo le diverse tipologie teatrali che sono presenti nell'area del Mediterraneo.

Uno studio scientifico verrà messo nero su bianco e costituirà la «Carta di Siracusa», un documento nel quale saranno contenute le direttive comuni per la conservazione e la fruizione delle architetture teatrali del Mediterraneo. La Carta, che sarà inoltrata agli organismi internazionali e adottata come strumento condiviso di tutela del settore architettonico-teatrale, verrà presentata a conclusione dei lavori del secondo convegno internazionale sul tema «Conservazione programmata e fruizione sostenibile delle strutture teatrali nell'area del Mediterraneo» che si terrà a Siracusa da mercoledì 13 e domenica 18. Siracusa non è stata una scelta casuale: insieme a Taormina, Segesta, Tindari e Eraclea Minoa, testimonia la presenza in Sicilia di architetture teatrali greche. L'iniziativa segue quella di un anno fa su «La materia: i segni della storia», svoltasi a Piazza Armerina, durante la quale era stato approfondito il tema dell'educazione della cultura come strumento di pace tra popoli.
Caratteristica del convegno sarà l'internazionalizzazione dell'iniziativa. Parteciperanno all'incontro i delegati dei paesi dell’Unione europea, dei paesi in via di adesione, dei paesi candidati e dei paesi della costa sud del Mediterraneo. Saranno presenti poi studiosi, registi, scenografi, direttori di teatri antichi e responsabili di organismi turistici provenienti da tutta Europa e dai paesi che si affacciano sul Mediterraneo e le cui strutture teatrali antiche presentano problematiche simili a quelle siciliane.
Un'ottima occasione, dunque, per discutere, attraverso lo scambio di idee e di esperienze professionali e culturali diverse, su tematiche riguardanti la osservazione programmata, il restauro, la fruizione sostenibile e la valutazione dei rischi dei luoghi antichi di spettacolo.
Promotore dell'iniziativa è l’assessorato regionale ai beni culturali, ambientali e della pubblica istruzione con la collaborazione dell'assessorato al turismo, trasporti e comunicazione e il comune di Siracusa. La parte organizzativa del convegno è stata invece curata dal centro regionale per la progettazione e il restauro dal momento che il meeting è inserito nell'ambito del progetto Carta del rischio del patrimonio culturale e ambientale che lo stesso istituto promuove su beni di diversa natura, al fine di offrire un'occasione di confronto sulla salvaguardia del beni culturali. Le sei giornate di lavoro saranno divise in tre sessioni plenarie e quattro workshop paralleli. L'ultima sessione sarà dedicata alla presentazione della Carta di Siracusa che conterrà la sintesi e la conclusione dei workshop.
La prima sessione sarà finalizzata all'individuazione di strategie e strumenti per evitare i processi di decadimento delle strutture, mentre la seconda tratterà della fruizione e degli standard di sostenibilità delle odierne attività di spettacolo nel rispetto dell'edificio archeologico e del suo contesto ambientale. L'ultima sessione indagherà, infine, sulle strategie per inserire i teatri nelle reti culturali del territorio e per potenziare lo sviluppo locale. Tra gli interventi è previsto anche quello di Claudio Baglioni che per l'occasione svestirà i panni da cantante per indossare quelli di esperto e appassionato di archeologia e architettura nell'area mediterranea. Il cantante, infatti, che ha recentemente seguito la laurea in architettura, darà il suo apporto ai lavori del convegno in qualità di relatore sui teatri e le rappresentazioni di oggi nell'ottima della fruizione sostenibile delle strutture antiche.
Ad aprire i lavori saranno Concetta Ciurcina, direttore del museo archeologico regionale di Siracusa «Paolo Orsi», e Guido Meli, direttore del centro regionale progettazione e restauro della regione siciliana. Interverranno, inoltre, Alessandro Pagano, assessore regionale ai beni culturali, ambientali e alla pubblica istruzione. Fabio Granata, assessore al turismo sport e spettacolo, e Salvatore Cuffaro, presidente della regione siciliana.
Nell'ambito del convegno verrà presentata la mostra dedicata a «Il teatro nell'iconografia antica», ospitata presso i locali del museo Paolo Orsi e organizzata dal centro per il restauro insieme al museo stesso e l'Inda (Istituto nazionale per il dramma antico).

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Febbraio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 5 1 2 3 4
week 6 5 6 7 8 9 10 11
week 7 12 13 14 15 16 17 18
week 8 19 20 21 22 23 24 25
week 9 26 27 28 29
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter