Mercoledì, 22 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Pagano: La Regione prigioniera. "La legge c’è, ma non s’è fatto un passo avanti".

(Tratto da "La Sicilia, Economia & Politica") - Il sistema dei fondi chiusi per aiutare le imprese

Parliamo di soldi? Ma sì che piace a tutti. E allora, visto che nella Finanziaria nazionale sarebbe prevista una minisanatoria edilizia, tipo che se hai allargato sino al 2001 la casa del 30% paghi una sanzione e via, che succede per i siciliani? La Regione deve recepire? "No – dice l’assessore al Bilancio Alessandro Pagano – perché se è una norma finanziaria vale per tutto il territorio nazionale, come fu per il condono del ‘94".

E gli Euro che pagherebbero i siciliani in quali casse andrebbero a finire?

"In quelle della Regione perché in base ad una norma specifica tutto quello che pagano i residenti siciliani rimane in capo a noi. Faccio un esempio: l’ultimo condono fiscale che c’è stato a maggio ha fruttato alla Regione 300 miliardi di Lire".

Il Presidente della Regione Campana, Sassolino, ha proposto di destinare l’8 per mille a chi investe sul territorio.

"Direi di lasciare l’8 per mille alla Chiesa, o alle Chiese, è il migliore investimento che un italiano possa fare in campo sociale. Quella di Sassolino mi sembra una proposta laicistica da anni 70".

Come sarà impostata la Finanziaria della Regione?

"Parlarne oggi è ancora troppo presto, però posso dire quali sono i passaggi nodali. Non inaspriremo le tassazioni, invece sfoltiremo le tasse di concessione governativa che producono poco gettito e complicano la vita dei cittadini. Faremo una lotta forte all’evasione fiscale in collaborazione con la Guardia di Finanza. In Sicilia c’è un’evasione del 90% sui ticket e non parliamo di chi con la stessa norma lucra contributi da Stato, regione ed Enti Locali. Poi procederemo alla revisione delle aliquote Irap: in altre parole appesantiremo alcune categorie e alleggeriremo altre. Abbiamo anche messo in moto uno straordinario meccanismo in materia di credito con i fondi chiusi per colmare la crisi endemica di capitali".

Come funziona?

"Sono coinvolti sei istituti di credito e la Regione, che di suo ci ha messo 15 milioni di Euro. Se tu hai un’azienda già esistente che si vuole ingrandire e ha bisogno di aumentare il capitale sociale interviene il fondo chiuso che valuta la consistenza del progetto e l’affidabilità dell’impresa e ci mette parte dei capitali diventandone comproprietario e accompagnando la crescita dell’azienda. Entro cinque anni l’azienda deve restituire il capitale con un interesse minimo. La legge c’è già, manca solo il regolamento. A gestire questi soldi saranno le banche perché è il loro mestiere. Si tratta di uno strumento moderno grazie al quale Israele è diventata industrialmente fortissima".

S’è detto che le concessioni demaniali, tipo quelle che rilasciano le Capitanerie di porto per i lidi balneari, saranno messe all’asta.

"Abbiamo 1500 Chilometri di costa che producono pochi milioni di entrate. Perciò le Capitanerie facciano un passo indietro e la Regione metta all’asta le concessioni. Sapete la storia della società italo-belga con lo stabilimento a Mondello che produce al fisco quattro soldi. Piano piano c’è la tendenza della Regione di riappropriarsi di quello che è suo e di sfruttarlo in maniera giusta". (A questo punto sarebbe bene che la Regione rendesse note le concessioni e quanto rende ciascuna di esse alle casse pubbliche).

Quando colmerete i buchi di bilancio?

"Dobbiamo tappare alcuni grossi buchi, quella della Sanità e della formazione. E poi procedere alle privatizzazioni: l’azienda siciliana trasporti che ha mille dipendenti, le Fondazioni, le Terme, privatizzazioni che la burocrazia non vuole portare avanti e rallenta tutto mandando solo commissari ben pagati. Nonostante la legge non s’è fatto un solo passo avanti nelle privatizzazioni".

Un’altra domanda che ci sta a cuore: perché gli Ato, pur essendoci sulla carta 700 miliardi di lire, non partono e il territorio resta pieno di discariche?

"Ma questi Ato sono pronti, hanno già presentato i piani operativi? Nella mia provincia di Caltanissetta ci sono due Ato Acque e un Ato rifiuti e due su tre non sono pronti. E poi, quando togli le competenze ai Comuni, questi Ato sono in grado di funzionare bene? Mi auguro di si, ma dobbiamo vederlo sul campo".

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter