Mercoledì, 22 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Ora basta con i vandalismi nelle scuole

(Tratto da "La Sicilia") - L'ultimo Raid a palermo. L'Assessore Pagano: "Bisogna dare una risposta ferma per evitare che diventi un fenomeno di massa"

PALERMO. «LA severità è indispensabile. Così come avvenuto a Milano con gli episodi del Parini dobbiamo dare un segnale di fermezza. Non si può tollerare che cose simili si ripetano, ci opporremo con tutte le nostre forze». Non ha dubbi sulla linea dura l'assessore regionale alla Pubblica istruzione Alessandro Pagano, all'indomani degli atti ili vandalismo che hanno letteralmente devastato il liceo scientifico «Stanislao Cannizzaro» di Palermo, con danni che ad una prima stima ammontano a oltre 25 mila euro e lezioni sospese a tempo indeterminato.

Da Stoccolma, dove si trova in questi giorni, l'assessore Pagano annuncia una mobilitazione immediata: "Chiederò subito un resoconto dettagliato, e valuteremo il da farsi. Queste cose vanno discusse col dirigente dell'ufficio scolastico regionale e con il capo d'istituto. Ma non c'è dubbio sul fatto che dobbiamo presentare denuncia ed opporci. A differenza di quanto accaduto al "Parini", dove si trattava di un caso isolato, l'episodio di Palermo, con le occupazioni degli istituti che si verificano ogni anno a dicembre, rischia di diventare un fenomeno di massa, ed è per quello che dobbiamo opporre subita una risposta ferma".
Dal direttore generale dell'Ufficio scolastico regionale, Guido Di Stefano, un appello al dialogo, fermo restando la necessità di individuare e punire i responsabili del grave atto di vandalismo che ha devastato la scuola tanto da imporre lo stop alle lezioni; «Chi fa danni - premette Di Stefano - deve essere identificato e risarcire. Questa è giustizia. Bisogna però distinguere tra la necessità delle sanzioni e del risarcimento, e i problemi di dialogo che spesso, per i motivi più svariati, si verificano in alcune scuole più che in altre. È indispensabile che si dialoghi, è in questo modo che i ragazzi si abituano ad essere cittadini. E col dialogo spesso si possono evitare problemi più seri. Ferma ovviamente restando la necessità di sanzionare atti vandalici che non possono essere tollerati in alcun modo.
Il raid allo scientifico Cannizzaro è arrivato venerdì, al culmine di una giornata complicata. Dopo un tira e molla di assemblee nel quale un gruppo di ragazzi aveva deciso di optare per l'occupazione dei locali. Una decisione poi rientrata nel tardo pomeriggio con l'abbandono della scuola. Proprio nel pomeriggio si sarebbe verificato il raid vandalico: bagni allagati, piante rotte insieme a banchi, sedie, suppellettili. Un inferno. Un inferno scoperto sabato mattina dai bidelli non appena aperta la scuola. Privilegiala la pista "interna". Alcuni ragazzi avrebbero chiamato in causa altri compagni, indicandoli come gli autori del raid.
Anche la Provincia, sotto la cui giurisdizione ricadono gli istituti superiori cittadini, è per la linea dura: "non pagheremo danni provocati da questi barbari incivili", tuona il presidente Francesco Musotto. Le lezioni al Cannizzaro rimarranno sospese, con ogni probabilità, per tutta la settimana.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter