Giovedì, 23 Maggio 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

La Soprintendenza si insedia nell'edificio che per decenni ospitò le Poste

(Tratto da "La Sicilia") - L'ex Palazzo delle Poste Centrali dì Caltanissetta sarà la nuova sede della Soprintendenza ai Beni Culturali e Ambientali di Caltanissetta. Grazie all'accordo siglato oggi alla presenza dell'assessore regionale Alessandro Pagano, il presidente della Banca di credito cooperativo del Nisseno di Sommatino e Serradifalco, proprietaria dell'immobile, Giuseppe Di Forti, e dal soprintendente di Caltanissetta Rosalba Panvini, un'ampia porzione dei locali saranno destinati agli uffici centrali della Soprintendenza di Caltanissetta.

"Questa operazione - ha affermato l'assessore Pagano - consentirà di dare una sede funzionale e prestigiosa alla Soprintendenza che, finalmente, vedrà risolto il problema della sistemazione degli uffici attualmente dispersi in un plesso condominiale di via Sardegna". "E' stato predisposto - ha affermato il presidente della Banca, Giuseppe Di Forti - un progetto di restauro strettamente conservativo, approvato dalia Soprintendenza di Caltanissetta, che vedrà l'avvio nelle prossime settimane sotto la stretta sorveglianza dell'Ente tutore. I lavori saranno finanziati interamente con il capitale della Banca ma il bene sarà fruito in buona parte dall'amministrazione pubblica". Il fabbricato, sito in Via Francesco Crispi - Piazza Marconi, fu edificato intorno al 1920 dopo la demolizione della Chiesa di Sant'Antonino con attiguo omonimo convento. L'Amministrazione dello Stato destinò l'area alle Poste di Caltanissetta. I lavori di costruzione durarono fino al 1937; da allora e fino al 1992 lo stabile, di proprietà delle Poste, fu utilizzato come sede centrale e sportello per i cittadini. Successivamente, dopo il trasferimento della sede centrale nell'edificio di via Leone XIII, la maggior parte degli spazi dello stabile rimasero inutilizzati; solo la parte centrale, nota per i pregiati affreschi del pittore palermitano Gino Morici che arricchiscono i soffitti e le pareti, fu continuata ad essere utilizzata per i servizi di sportello. Nel 1999 la Regione Sicilia ha apposto sull'intero edificio il vincolo a salvaguardia del valore monumentale, artistico e architettonico. L'immobile, rimasto per anni in stato di semiabbandono anche a motivo dei cospicui capitali necessari per il risanamento, nell'agosto del 2003 è passato nelle mani della Banca di Credito Cooperativo dei Nisseno di Sommatino e Serradifalco che ne ha acquisito la proprietà.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter