Domenica, 22 Settembre 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Solo la fermezza del papa può fermare la guerra santa

(Tratto dal quotidiano "Italia Oggi" ) - «II rispetto e il dialogo richiedono la reciprocità in tutti i campi, soprattutto per quanto concerne le libertà fondamentali e, più particolarmente, la libertà religiosa», ha sottolineato l'altro giorno Benedetto XVI nel suo incontro a Castelgandolfo con gli ambasciatori dei paesi musulmani. Reciprocità è il termine chiave usato da papa Ratzinger, il pontefice odiato dai fondamentalisti islamici. Ma le parole sono di Giovanni Paolo II: una citazione del discorso pronunciato da Karol Wojtyla nel 1985 a Casablanca.

Le virgolette dovrebbero rimettere le cose a posto, dimostrando quanto strumentali siano stati gli attacchi al papa attuale, o quanto furbi i rimpianti per la figura del suo predecessore, indicato come l'uomo del dialogo con l'Islam. Giovanni Paolo II era l'uomo del dialogo, e non della resa senza condizioni. Ratzinger è l'uomo del dialogo, non del mu ro contro muro. Non è cambiata la «politi ca» del Vaticano in questi ultimi venti anni: è cambiato l'atteggiamento dei fondamentalisti, e si sono ingrossate le file dei loro seguaci.

È cambiato, purtroppo, anche il giudizio dell'Europa e, soprattutto, dei leader del Vecchio continente. Impauriti e arrendevoli di fronte al terrorismo, prigionieri della gabbia del «politicamente corretto». Fin da quando, nell'elaborazione del preambolo per la Costituzione europea, preferirono cancellare il riferimento alle radici giudaico-cristiane dell'Europa.

I diplomatici presenti nella sala degli svizzeri della residenza estiva del papa hanno espresso soddisfazione per le parole pronunciate dal pontefice, sottolineando i continui richiami alla necessità del, dialogo fra le due religioni monoteistiche. Non hanno preteso le scuse del papa per il discorso di Ratisbona (che, invece, continuano a pretendete molti estremisti, come i Fratelli musulmani e l’Unione degli ulema). Non hanno mosso obiezioni alla linea del Vaticano, né si sono messi in cattedra per impartire al papa lezioni di galateo, o di politica, come hanno fatto molti giornalisti occidentali dopo Ratisbona.

Il papa non ha chiesto scusa, semplicemente perchè non aveva di che scusarsi. Non spetta a lui fare un passo indietro o pentirsi di quel che ha detto a Ratisbona. Dovrebbero piuttosto riflettere i campioni di pavidità e della resa senza condizioni.
Molti commentatori, in queste ultime settimane, hanno evocato lo «spirito di Monaco»: nel settembre 1938 Daladier e Chamberlain legittimarono, nella conferenza tenuta nella capitale bavarese, le pretese di Hitler sulla Cecoslovacchia, persuasi di convincerlo, in tal modo, a placare i suoi appetiti di potenza, e di conquista. La storia ha dimostrato quanto fosse suicida quell'atteggiamento. Molti governanti europei (ai quali la storia non ha insegnato nulla) si comportano più o meno allo stesso modo, oggi nei confronti dei nuovi nemici. E i rischi sono molto più gravi di allora: perché Hitler, nonostante tutto, era un europeo, intriso di cultura occidentale (sia pure mal digerita), e nei suoi programmi non c'era quello di cambiare, o assoggettare, la nostra civiltà. Che è invece l'obiettivo dei fondamentalisti. Soltanto la fermezza del papa può spostare oggi l’asse della , proclamata dagli estremisti, in un conflitto interno all'Islam: fra i governanti responsabili (che, per fortuna, ci sono) e i fondamentalisti che hanno sposato la pratica del terrorismo. Questo è un merito che a Ratzinger deve essere riconosciuto, sul terreno politico prima ancora che su quello dottrinario o religioso.

Di Massimo Tosti

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Settembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter