Venerdì, 21 Giugno 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Interventi per lo sviluppo dell'economia regionale


I fondi chiusi

E’ stato creato il primo fondo chiuso a supporto delle imprese siciliane. Con la Legge Regionale 23 dicembre 2002, n.23, art.13, la Regione Siciliana è stata autorizzata a promuovere la costituzione e a sottoscrivere quote minoritarie di fondi mobiliari di tipo chiuso per l’investimento nel capitale di imprese siciliane che, in relazione al settore in cui operano, presentano prospettive di sviluppo. A tal fine, con successiva legge regionale n.4/2003, sono stati stanziati 15 milioni di Euro, 5 milioni di Euro per i prossimi tre anni, di cui 14 milioni per il Fondo e il restante per la partecipazione alla costituenda Società di Gestione del Risparmio.

Prestiti Partecipativi

I prestiti partecipativi, di cui alla L.R. 25/1993, rappresentano uno strumento particolarmente adatto a soddisfare i bisogni finanziari delle imprese che a fronte di programmi d’investimento e/o di sviluppo vogliono diversificare le fonti di finanziamento procedendo ad una graduale ricapitalizzazione aziendale. Risulta emblematica l’importanza di tale strumento per le piccole e medie imprese industriali siciliane che, come noto, sono caratterizzate da fattori endemici di sottocapitalizzazione che le rendono poco competitive e ne frenano la crescita dimensionale. Sono stati rifinanziati, per complessivi € 25.000.000,00.

Interventi per le imprese del settore estrattivo e manifatturiero la modifica e il rifinanziamento dell’articolo 11 della legge regionale51/57

L’intervento prevede il finanziamento di imprese operanti nel settore estrattivo e manifatturiero, nonché in altri settori ancora, per progetti di ampio respiro, quali le iniziative di costruzione, ampliamento, ammodernamento, e riattivazione di impianti industriali, ammettendo alle agevolazioni le spese per progettazioni e studi, acquisto suolo aziendale, opere murarie, macchinari, impianti, attrezzature e mezzi mobili.

È stata accresciuta l’operatività dell’art. 11 della L.R. 51/57, mediante l’allargamento delle forme di garanzie utilizzabili. In particolare, è stata ampliata la platea dei soggetti abilitati al rilascio della polizza fidejussoria, introducendo il ricorso a polizza fidejussoria rilasciata anche da società finanziarie iscritte nell’elenco di cui al T.U. bancario e delle attività creditizie, nonché a garanzie rilasciate dai consorzi fidi. In tal modo vengono superate le difficoltà legate all’ottenimento di polizza fidejussoria bancaria.

Infine, è stata prevista l’estensione dei finanziamenti a tutti i settori agevolabili dalla L. 488/92 – Settore industria – che costituisce il principale aiuto al settore industriale e dei servizi in atto vigente. Si evidenzia che, a norma del D.M. 7/10/02, i benefici ex L. 488/92 sono stati dichiarati cumulabili con gli aiuti concessi in regime "De minimis". Pertanto, allargamento delle forme di garanzia utilizzabili e cumulabilità tra benefici dovrebbero consentire un notevole impulso all’operatività regionale di che trattasi.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Giugno 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter