Mercoledì, 22 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

I morti nelle Foibe e nel Gulag, morti di serie B.

Per il sesto anno con la Giornata del Ricordo sono state ricordate le vittime delle foibe. Qualcuno però ha fatto notare che ancora questa è una giornata svalutata. Evidentemente ci sono morti di serie A e morti di serie B.


Fra i grandi quotidiani, ha scritto Giordano Bruno Guerri, solo Il Giornale ha dedicato due pagine alla Giornata del Ricordo, mentre Il Corriere della Sera e Repubblica si sono limitati a qualche colonnina striminzita, poco pubblicizzata. Nelle scuole, come al solito, si è fatto poco; tra le istituzioni, meritevole l'iniziativa del sindaco di Roma, Alemanno e del suo assessore alla pubblica istruzione Laura Marsilio.
E' sempre la solita storia, puntualmente ci si lamenta che non viene dato il giusto risalto, “agli altri morti”, a quelli causati nel Novecento da tutti i comunismi. L'altro giorno c’è stata una bella iniziativa per ricordare la shoah, quella del treno che parte dalla stazione di Milano per raggiungere i luoghi dell'olocausto ebraico. Abbiamo commentato con ammirazione queste iniziative ma ci siamo chiesti: perchè non parte mai nessun treno per visitare i Gulag sovietici? O perché non partono treni verso l’Istria dove furono decine di migliaia gli italiani infoibati da Tito? Anche questi luoghi, dove sono stati massacrati milioni di uomini e donne, meriterebbero visite di scolaresche.
Le vittime del comunismo non sono degne di essere riconosciute? E' noto quante difficoltà ha avuto ed ha Giampaolo Pansa con i suoi libri sui massacri compiuti dai partigiani comunisti durante la cosiddetta Resistenza. Addirittura lo scrittore di Casale Monferrato, per evitare incidenti, ha deciso di non presentare più in pubblico i suoi libri per le minacce che regolarmente riceve dai vari “democratici” di turno. E poi dalle alte cariche dello Stato si viene a parlare di memoria condivisa…
Ma come si può condividere una memoria se ogni volta per poter esporre documenti e fatti riconosciuti, ci vogliono i carabinieri a tutelare la propria incolumità?
Benedetto XVI parlando ai membri del Pontificio Comitato di Scienze Storiche diceva che oggi “il passato appare solo come uno sfondo buio, sul quale il presente e il futuro risplendono con ammiccanti promesse. A ciò è legata ancora l'utopia di un paradiso sulla terra, a dispetto del fatto che tale utopia si sia dimostrata fallace.
Tipico di questa mentalità è il disinteresse per la storia, che si traduce nell’emarginazione della storia. Dove sono attive queste forze ideologiche, la ricerca storica e l’insegnamento della storia all'università e nelle scuole di ogni livello e grado vengono trascurati. Ciò produce una società che, dimentica del proprio passato e quindi sprovvista di criteri acquisiti attraverso l’esperienza, non è più in grado di progettare un’armonica convivenza e un comune impegno nella realizzazione di obiettivi futuri. Tale società si presenta particolarmente vulnerabile alla manipolazione ideologica” (Benedetto XVI, discorso del 7.3.2008 Sala dei Papi).
L’obbligo di oggi è che noi non dovremmo perdere la memoria e continuare a raccontare la verità. La frontiera quindi, non è più da una parte la storia vera e dall’altra la storia falsificata. Oggi il pericolo è che si metta in discussione la Storia stessa. Il Papa fa intendere che  c'è tra i cosiddetti studiosi un'avanguardia che cerca di cancellare il passato. Del resto non è una novità, questo è già avvenuto: durante la repubblica rossa di Bela Khun in Ungheria nel 1919 si decise di abolire l'insegnamento della Storia.
La storia, diceva lo storico svizzero Johan von Muller, è un magazzino di esperienze per la politica. Del resto una società che ignora il proprio passato è priva di memoria storica. La perdita di memoria priva gli individui dell'identità. Una società senza identità è facilmente conquistabile.

Alessandro Pagano
Domenico Bonvegna

 

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter