Mercoledì, 22 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Quei giudici tecnocrati che vogliono educare il Popolo Bue

Da tempo in Europa e nel mondo occidentale imperversano dei giudici che interpretano a modo loro il senso della giustizia e soprattutto se ne infischiano dei diritti delle maggioranze  e delle leggi parlamentari.
Proprio l’altra settimana la Corte europea dei diritti dell’uomo di Strasburgo ha sentenziato che il crocifisso lede la libertà religiosa se viene esposto nelle aule scolastiche e quindi va rimosso.

La sentenza dei sette giudici, tra cui l’italiano di area progressista, Vladimiro Zagrebelski, a dire la verità è stata criticata abbondantemente dalla stragrande maggioranza degli italiani; si può dire che addirittura c’è stata con migliaia di lettere ai giornali, interpellanze nei consigli comunali, e-mail, telefonate alle radio, messe, incontri di preghiera, gazebo di raccolta firme, una vera e propria sollevazione popolare tesa a difendere e sostenere la presenza del crocifisso, non solo nelle aule scolastiche ma in tutti i luoghi pubblici.
Anche gli USA non sono immuni dalle invasioni di campo dei giudici, anzi tutto parte da lì. Recentemente i cittadini americani sono stati chiamati al voto per dire si o no al matrimonio gay. Si è votato in 31 Stati, l’ultimo nel Maine, e sempre hanno vinto quelli del matrimonio naturale, “trentuno a zero per gli oppositori delle nozze gay” scrive il sociologo Massimo Introvigne. Per gli attivisti del matrimonio gay è stato un colpo durissimo ma che è durato poco, giacché negli Usa si continuano lo stesso a celebrare matrimoni tra omosessuali perché in quasi tutti gli Stati la decisione di introdurre il matrimonio gay viene preso dai giudici. Basta far ricorso e voilà, i tribunali danno ragione ai fidanzati gay consentendo loro di convolare a nozze. La verità è che in alcune parti del mondo alcune piccole ma potentissime lobby di giudici ideologizzati, pervicacemente ignorano la volontà degli elettori e pensano sia loro dovere educare il popolo che evidentemente non è maturo per comprendere la nuova frontiera della Modernità.
Nell’enciclica Caritas in veritate Benedetto XVI ha indicato nella tecnocrazia la maggiore minaccia per la libertà dopo la fine delle ideologie. A molti la parola tecnocrazia fa venire in mente solo gli scienziati pazzi di qualche film. Ma per il Papa la tecnocrazia  è  quella di qualunque potere che pensa d’imporre le sue scelte alla maggioranza non in nome del bene comune e neppure di un mandato elettorale, ma perché pensa di saperne di più rispetto a un popolo bue che per definizione è arretrato e condizionato da pregiudizi religiosi. Una visione giacobina che liquida come “fondamentalismo” tutto ciò che va contro il proprio pensiero. Oggi la più pericolosa tecnocrazia è proprio quella di certi giudici.
Il fenomeno è autenticamente diffuso. Negli USA ricordiamo che l’eutanasia di fatto è diventata lecita quando un giudice ordinò all’ex marito di sospendere gli alimenti a Terry Schiavo. Ma anche l’aborto negli USA passò grazie ad una sentenza, Roe contro Wae. E in Italia Eluana Englaro non c’è più perché i giudici così hanno voluto. E ancora la Fini-Bossi e successive modifiche non funziona perché i magistrati hanno sollevato centinaia di volte eccezioni di incostituzionalità della legge non facendola funzionare. Molti magistrati pensano - e lo dicono apertamente – che i giudici sono detentori di un sapere superiore, ecco perché spetta a loro rieducare il popolo. Quando in Italia si scopre che oggi la magistratura gode solo del 14% di fiducia da parte della gente, contro l’85% dei primi anni novanta ne comprendiamo le ragioni.

Alessandro Pagano

Domenico Bonvegna

Dim lights Embed Embed this video on your site

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter