Martedì, 21 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Il Ministro Matteoli risponde alla lettera di alcuni deputati siciliani in merito agli interventi infrastrutturali in Sicilia.

 

 

Cari colleghi,

nessuno può mettere in dubbio il rilevante sforzo portato avanti, proprio da questo Governo e dal Dicastero delle Infrastrutture e dei Trasporti,


per traguardare due precise finalità che rivestono una rilevanza strategica essenziale non solo per la crescita e lo sviluppo della Sicilia sud orientale ma per l’intero sistema socio economico dell’isola.

Essere riusciti a ridare tutte le condizioni per rendere davvero fruibile ai tini civili l’aeroporto di Comiso e concludere tutte e fasi procedurali relative alla approvazione, da pane del CIPE, dell’asse autostradale Catania - Ragusa assicurando al tempo stesso adeguata copertura finanziaria (circa 150 milioni di €) per rendere difendibile e reale la proposta di project financing, penso testimoni il chiaro convincimento dell’essenzialità di due obiettivi che da tanti anni questo territorio chiedeva ma che, purtroppo, erano sempre rimasti sempre solo atti programmatici privi di ogni supporto progettuale e finanziario.

Sarebbe troppo facile fornire le motivazioni e le responsabilità che hanno ritardato l’avvio concreto delle attività realizzative dell’asse autostradale Catania — Ragusa, ma preferisco ricordare che, proprio per evitare ulteriori polemiche e tenuto conto della reale disponibilità di risorse dell’ANAS e della Regione Sicilia, stiamo, proprio in questi giorni, definendo tutte le azioni per dare concreto avvio alla fase conclusiva delle procedure dì affidamento.

Per quanto concerne l’aeroporto di Comiso è opportuno ricordare che questo Governo ne ha riconosciuto la valenza di aeroporto di interesse nazionale, ha portato a termine le opere infrastrutturali nel corso del 2010 e, grazie ad un apposito decreto interministeriale (Ministeri della Difesa, delle infrastrutture e dei Trasporti e dell’Economia e delle Finanze), ha fatto si che:

• i beni del demanio militare aeronautico dichiarati non più funzionali ai fini militari venissero destinati all’aviazione civile

• i beni così trasferiti venissero assegnati in uso gratuito al Comune di Comiso

• i servizi di assistenza per la navigazione aerea venissero garantiti dall’Ente Nazionale per l’Assistenza al Volo (ENAV).

Solo grazie a questi atti aeroporto di Comiso, dal dicembre 2010, ha assunto lo stato giuridico di aeroporto civile aperto al traffico civile.

Ora occorre, come da me ribadito negli incontri istituzionali tenuti a Roma con il Sindaco di Comiso, con la Regione Siciliana, con i Parlamentari locali, aprire, entro questi prossimi mesi, l’aeroporto al traffico.

Per raggiungere un simile obiettivo ho già convocato un’apposita riunione presso il Dicastero con gli Amministratori dell’ENAC e dell’ENAV per definire un itinerario che consenta il raggiungimento di un simile obiettivo; al tempo stesso ho già prospettato al Ministro Tremonti le modalità per garantire, nella fase di avvio, le risorse necessarie per le attività di assistenza svolte dall’ENAV.

Cordialmente.

 

Altero Matteoli

 

On. Antonio Minardo

On. Alessandro Pagano

On. Vincenzo Antonio Fontana

On. Salvo Torrisi

On. Gabriella Giammanco

On. Vincenzo Garofalo

On. Basilio Catanoso

On. Giuseppe Fallica

On. Francesco Stagno D’Alcontres

On. Giacomo Terranova

On. Giuseppe Marinello

On. Vincenzo Gibiino

On. Antonio Germanà

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter