Lunedì, 20 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Vertice a Roma su comparto agricolo gelese. Pagano (Pdl): “Grande soddisfazione per risposte ministero Sviluppo Economico”

 

 

Nell’ambito delle iniziative riguardanti il rilancio e lo sviluppo economico della provincia di Caltanissetta, e in particolare dell’area gelese, il 2 agosto si è svolto a Roma un importante incontro, promosso dall’On. Alessandro Pagano, dal ministro Corrado Passera e dal sottosegretario Claudio DeVincenti,


presso il dipartimento per lo Sviluppo e la Coesione Economica del ministero dello Sviluppo Economico, alla presenza del Dirigente generale Carlo Sappino e di funzionari del suo dipartimento, dello stesso esponente del Pdl, nonché del presidente della cooperativa Agro Verde Stefano Italiano.

Oggetto dell’incontro, il Contratto di Programma SPAS, approvato dal Cipe con Delibera n. 108 del 29 luglio 2005, relativo ad un investimento pari a circa 125 milioni di euro nel settore serricolo ortoflorovivaistico nei territori di Gela, Butera e Caltanissetta.

“L’esito dell’incontro – commenta l’On. Pagano – è stato fortemente positivo. L’illustrazione del progetto della Cooperativa Agro Verde e delle positive ricadute in termini economici e occupazionali per il territorio di Gela è stata, infatti, molto apprezzata dall’alto funzionario del ministero dello Sviluppo Economico e dal suo dipartimento”.

“In particolare, – aggiunge Pagano – i dirigenti del ministero hanno  apprezzato il piano industriale che ha dimostrato la bontà della programmazione dei volumi produttivi, l'apertura ulteriore verso i mercati internazionali, già abbondantemente forniti dalla struttura, e la piena sostenibilità finanziaria oltre che la più che soddisfacente redditività. Il consorzio SPAS, guidato dalla capofila Agro Verde, una volta che il progetto esecutivo entrerà in funzione a pieno regime, sarà in grado di effettuare una produzione di 12 mesi su 12, rispetto agli attuali 2 mesi su 12, con vantaggi, in termini di penetrazione commerciale internazionale, facilmente intuibili. Infatti l'attuale ciclo produttivo di soli 2 mesi riesce a soddisfare solo in minima parte la crescente domanda di ortaggi dei ricchi mercati del nord Europa e la mancanza di volumi ‘regala’ ampie fette di mercato a realtà meno dinamiche dei nostri produttori, ma più ‘fortunate’ nella capacità di approvvigionamento energetico e finanziario, che poi sono i due volani su cui si fonda il potenziale sviluppo delle aziende agricole. SPAS-Agro Verde intende raggiungere, avvalendosi di serre di ultima generazione tecnologica, la piena copertura annuale così da poter essere competitiva sui mercati del nord Europa, dove fra l'altro è riuscita comunque ad affermarsi”.

“Attualmente, Agro Verde è fornitrice di una delle maggiori catene della grande distribuzione tedesca, un colosso che da solo fattura 5 miliardi di euro. Grazie all’attuazione del progetto, il volume delle attuali forniture sarà destinato a crescere, sottraendo così importanti fette di mercato all’Olanda, finora leader incontrastata del settore ortofrutticolo grazie al proprio know-how nel settore dell'energia e nella facilità nel trovare finanziatori”.

“I mercati nordeuropei sono, infatti, molto esigenti, – spiega l’esponente del Pdl – e puntano essenzialmente sulla tracciabilità e rintracciabilità del prodotto, oltre naturalmente alla qualità. Si tratta di criteri che i prodotti delle nostre filiere soddisfano abbondantemente e che sono alla base del successo di vendite ottenuto negli anni scorsi”.

“Ma ciò non basta più. Urge favorire l’ulteriore crescita ed espansione commerciale all’estero del nostro comparto agricolo -sottolinea - e i nostri sono prodotti d’eccellenza ottenuti grazie ad una perfetta combinazione tra metodi di coltivazione innovativi, come la coltivazione idroponica cioè effettuata fuori suolo e con l’impiego minimo di risorse idriche, e a basso impatto ambientale, come i sistemi a produzione integrata che privilegiano l’utilizzo degli insetti ai diserbanti di origine chimica”.

“I notevoli risultati sinora raggiunti, sono stati riconosciuti e valutati positivamente anche in sede ministeriale. Come prescritto dal decreto ‘crescita’, entro il 25 settembre dovranno essere presentati i progetti esecutivi, i quali sono stati già elaborati. I segnali positivi all’esito dell’odierno vertice, - conclude – ci spinge a manifestare apertamente piena fiducia e totale ottimismo nei confronti dell’inizio di un processo virtuoso che rivoluzionerà il modo di fare agricoltura in Sicilia con indubbi benefici per l’intera Regione”.

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter