Mercoledì, 22 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Legge Stabilità, Pagano (Pdl): No a misure contro insegnanti o governo a rischio

 

 

“I risparmi e l’aumento delle entrate che la nuova legge di stabilità dovrebbe comportare per il bilancio dello Stato rischiano, invece, di tradursi in un ingiusto svantaggio ai danni di alcune categorie di cittadini, come insegnanti e studenti”.


E’ quanto afferma, in una nota, il deputato del Pdl Alessandro Pagano, componente della Commissione Finanze della Camera.

“L’aumento delle ore di insegnamento per i docenti di ruolo previsto dalla legge di stabilità – prosegue – è una misura che non può essere affatto condivisa, in primo luogo perché le retribuzioni degli insegnanti, attualmente le più basse d’Europa, resterebbero invariate; in secondo luogo per le inevitabili ripercussioni sul livello della didattica e la qualità dell’insegnamento, che verrebbero irrimediabilmente compromessi”.

“Diciamo no a questa particolare misura – sottolinea - perché fortemente preoccupati sia per il futuro del nostro corpo docenti, destinatario di interventi assolutamente non in linea con gli standard europei, sia per il futuro dei nostri giovani, i quali necessitano di insegnanti che li preparino ad affrontare in modo adeguato le sfide poste dal nostro tempo”.

“Per questo – conclude - chiediamo al governo una risposta esaustiva su questi punti, così come sul nodo ancora irrisolto dei precari,  e interventi che finalmente valorizzino il ruolo degli insegnanti e dell’insegnamento. Diversamente, non potremo garantire il nostro sostegno a questo esecutivo”.

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter