Mercoledì, 18 Settembre 2019

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Scuola, Pagano (Pdl): Indignazione insegnanti contro governo più che legittima

 

 

“La reazione indignata degli insegnanti italiani alle accuse rivolte ieri all’intera categoria dal presidente Monti, nel corso del programma. Che tempo che fa, per il no all’aumento delle ore di insegnamento è da sottoscrivere appieno, per almeno due importanti ragioni:


in primo luogo per i toni sprezzanti, seppure nel perimetro del bon ton istituzionale, che il premier ha adoperato per screditare una categoria che svolge in maniera egregia il proprio lavoro pur tra mille difficoltà; in secondo luogo perché su questa questione il governo sta dimostrando di non conoscere adeguatamente il mondo della scuola e le sue problematiche”.

Ad affermarlo Alessandro Pagano del Pdl, componente della Commissione Finanze della Camera. “Portare le ore di insegnamento frontale da 18 a 24, come è nelle intenzioni del governo, - spiega Pagano -  significa non tenere conto del corrispondente aumento del numero delle classi per ciascun docente e del lavoro svolto a casa. In tal modo, si rischia solo di pregiudicare la qualità dell’insegnamento, per di più aggravando il problema del precariato”.

“Per superare i problemi della scuola, - conclude - migliorando la qualità dell’insegnamento e debellando la piaga del precariato, non c’è che una strada: puntare sui concorsi pubblici e tagliare la spesa laddove vi sono sprechi effettivi”.

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Settembre 2019 Prossimo mese
L M M G V S D
week 35 1
week 36 2 3 4 5 6 7 8
week 37 9 10 11 12 13 14 15
week 38 16 17 18 19 20 21 22
week 39 23 24 25 26 27 28 29
week 40 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter