Giovedì, 18 Aprile 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Tre interventi sul tema dell'omofobia:

 

 

 

 

 

 

Omofobia, il lavoro non fatto e i danni che seguiranno. Riccardo Cascioli pubblicato su "La nuova Bussola quotidiana" (13 Agosto 2013) 

La lettera aperta di 26 deputati di Pd e Sc al direttore di Avvenire  (9 Agosto 2013)   

La risposta del Direttore di Avvenire  Marco Tarquinio (9 Agosto 2013)


 

Omofobia, il lavoro non fatto e i danni che seguiranno. Riccardo Cascioli pubblicato su "La nuova Bussola quotidiana" del 13 Agosto 2013

Bisogna davvero avere un senso dell’umorismo molto spiccato per concepire una lettera come quella scritta da 26 deputati del Partito Democratico e di Scelta Civica e pubblicata da Avvenire il 9 agosto con il titolo “Omofobia, il lavoro fatto e quel che resta da fare” (la lettera ancora campeggia nella Home page del quotidiano). E soprattutto bisogna contare molto sull’ignoranza di chi legge che, non avendo seguito i lavori parlamentari, è portato a prendere per buono ciò che così autorevolmente viene presentato.

In sintesi i 26 deputati cattolici  - tra cui nomi ben noti come Rosy Bindi, Renato Balduzzi, Beppe Fioroni, Mario Marazziti, Edoardo Patriarca, Luigi Bobba, Ernesto Preziosi, Rocco Buttiglione, Paola Binetti, Gianluigi Gigli, Mario Sberna – si presentano come soldati che vanno a rendere omaggio al sovrano dopo una lunga, vittoriosa, battaglia aspettandosi in cambio onori e prebende.

Così si dicono soddisfatti – e tutti ovviamente dovrebbero esserlo – per questa efficace presenza dei cattolici di diversi schieramenti nelle istituzioni che, lavorando insieme, sono riusciti a modificare in meglio la proposta di legge sull’omofobia. Il primo testo era inaccettabile, dicono, invece ora grazie al loro lavoro è molto diverso e, con qualche altro piccolo ritocco che salvaguardi la libertà di espressione, e su cui sono impegnati, la legge si può sicuramente firmare.

Gran finale con l’esaltazione della “presenza cattolica in tutti i partiti che oggi fanno parte della maggioranza” che è “in grado di contribuire fattivamente a ricercare soluzioni legislative equilibrate e rispettose di tutte le diverse sensibilità presenti nel Paese”.

Proprio quest’ultima affermazione fa nascere qualche domanda: visto che si parla della presenza cattolica in tutti i partiti della maggioranza, come mai non c’è nessuno del Pdl fra i firmatari? Che non ci siano cattolici in quel partito?

In realtà le cose stanno ben diversamente da come la raccontano i 26 che, se fosse dipeso dal loro “lavoro costante e fattivo”, la legge sarebbe già passata alla Camera in luglio e nella versione iniziale. Sì, perché nessuno di loro ha mosso un dito né provato a sollevare il dibattito mentre alla Commissione Giustizia della Camera si stava compiendo un blitz che mirava a mettere tutti davanti al fatto compiuto eliminando ogni dibattito. Anzi, no. Solo Paola Binetti in Commissione Giustizia ha presentato degli emendamenti e cercato di fare opposizione, ma – bisogna purtroppo dirlo – è poi stata assente nella seduta decisiva in cui bisognava discutere sugli emendamenti stessi ed ha accettato poi di tagliare la discussione sugli emendamenti così che ha tolto la possibilità di bloccare la proposta. In Commissione, invece, non pervenuto il suo compagno di partito Gigli.

E allora come mai il testo arrivato in aula è diverso da quello iniziale? I lettori che hanno seguito La Nuova BQ in questi mesi lo sanno bene, perché abbiamo seguito i lavori passo dopo passo dandone accurato resoconto: il nuovo testo è stato presentato come scappatoia per evitare di discutere gli oltre 400 emendamenti presentati da alcuni  deputati, che curiosamente non figurano nella lista dei 26, e che è giusto ricordare: Alessandro Pagano ed Eugenia Roccella, del Pdl, e Nicola Molteni della Lega Nord (la Lega è anche l’unico partito che si è espresso chiaramente contro questa proposta di legge). Poi bisogna ricordare che a sollevare il dibattito fuori della Commissione sono stati Carlo Giovanardi, Maurizio Sacconi, Lucio Malan, anche loro del Pdl.

Solo a cose fatte, alcuni di Scelta Civica, si sono dati da fare per trovare l’ultimo compromesso con il Pd, secondo quanto avevamo già anticipato su La Nuova BQ: clausola di salvaguardia per la libertà di opinione ma pagando in cambio l’aggiunta dell’aggravante per reati penali commessi a motivo dell’omofobia.

Il giudizio su questo papocchio lo abbiamo già espresso con chiarezza: una legge sull’omofobia, clausole o non clausole, è inaccettabile perché introduce un concetto ideologico teso a sovvertire la natura. Come è emerso chiaramente dal dibattito in aula, il 5 agosto, la ratio di questa legge sta nel voler riconoscere l’omosessualità – e qualsiasi altro orientamento sessuale – come un fatto di natura. Il che è assolutamente improponibile. Senza considerare che la clausola di salvaguardia sulla libertà di espressione lascia il tempo che trova in una norma che punisce oggettivamente il reato di opinione.

Peraltro è lo stesso Magistero che ha affermato con la massima chiarezza che la tendenza sessuale non può essere in alcun modo comparata alla razza (come avverrebbe per questa proposta se diventasse legge), quando si applica il principio della non discriminazione, per motivi che più volte abbiamo scritto.

Ciò malgrado questi 26 deputati pretendono di parlare a nome di tutti i cattolici, isolando peraltro gli unici che veramente si sono battuti per evitare questa legge. E ovviamente lo fanno scrivendo al giornale dei vescovi, nel miglior stile clericale, pensando così di ricevere una benedizione anche in vista di possibili, prossime, elezioni. Invece di unire le loro forze a quelle di altri che hanno fatto di tutto per fermare questa legge, preferiscono puntare al compromesso al ribasso, privilegiando certe alleanze politiche alla verità e al bene comune. Oltretutto prendendosi indecorosamente dei meriti che non hanno e stravolgendo la realtà. Bisogna poi ricordare che almeno uno dei 26, l’on. Gigli - essendo presente alla conferenza stampa che abbiamo organizzato a Roma lo scorso 24 luglio per spiegare il no alla legge sull’omofobia – aveva solennemente affermato che anche nel caso di un passaggio degli emendamenti sulla libertà di espressione, non avrebbe votato a favore della legge. Ora invece dalla lettera ad Avvenire scopriamo che in fondo trova che il sì sia giustificato.

Se questa è la presenza cattolica in politica, poveri noi.

La lettera aperta di 26 deputati di Pd e Sc al direttore di Avvenire  (9 Agosto 2013)   

Caro direttore,

abbiamo seguito con interesse il dibattito ospitato dal suo giornale in merito alla proposta di legge contro l’omofobia giunta in Parlamento in questi giorni. Molti osservatori, tra cui lo stesso Avvenire, hanno avanzato dubbi sui motivi di urgenza del provvedimento, e tutti abbiamo valutato inopportuna la collocazione del dibattito, su un tema così sensibile, a tarda ora.

Vorremmo qui sottolineare qualche aspetto che a nostro avviso non è stato sufficientemente messo in evidenza dai media, e che invece ci pare rappresenti un motivo di soddisfazione per chi abbia a cuore una presenza efficace dei cattolici dentro le istituzioni. Grazie a un lavoro costante e fattivo, necessariamente lontano dai riflettori per non pregiudicarne l’efficacia, cui si è dedicato un ampio fronte cattolico in diversi schieramenti presente in Parlamento, la proposta di legge che è giunta in aula è molto diversa da quella che era stata inizialmente presentata.

Sono infatti cadute molte definizioni che rendevano inaccettabile il testo, non solo, ma grazie a questo lavoro fatto di dialogo attento e operoso, i relatori – cui va riconosciuta una notevole disponibilità – stanno lavorando su ulteriori emendamenti che, se accolti in aula, consentiranno la netta distinzione tra il reato di omofobia e la libera espressione di opinioni, evitando così proprio quei rischi inerenti i reati di opinione giustamente paventati da molti. Condizione essenziale per poter esprimere una valutazione positiva sulla versione definitiva del testo.

Ci sono dunque tutte le premesse affinché la legge che scaturirà dalle votazioni, su cui continueremo a lavorare nella libertà e nella responsabilità con cui ciascuno di noi esercita il suo mandato, riesca a dare una adeguata risposta alle giuste esigenze di tutela rafforzata dei soggetti discriminati, senza ledere, in nessun modo, il libero dibattito delle idee, né forzare in nessuna direzione le opzioni legislative su temi eticamente sensibili.

Ci pare un risultato non trascurabile e non scontato, che segnala come la presenza cattolica in tutti i partiti che oggi fanno parte della maggioranza sia in grado di contribuire fattivamente a ricercare soluzioni legislative equilibrate e rispettose di tutte le diverse sensibilità presenti nel Paese, e come ciò sia apprezzato anche da persone con differenti posizioni culturali.

Alfredo Bazoli, Marina Berlinghieri, Renato Balduzzi, Rosy Bindi, Paola Binetti, Luigi Bobba, Rocco Buttiglione, Andrea Causin, Paolo Cova, Beppe Fioroni, Francesco Saverio Garofani, Gian Luigi Gigli, Federico Ginato, Gregorio Gitti, Lorenzo Guerini, Mario Marazziti, Flavia Nardelli, Edoardo Patriarca, Ernesto Preziosi, Matteo Richetti, Milena Santerini, Mario Sberna, Angelo Senaldi, Gea Schirò, Mino Taricco, Giorgio Zanin.

 La risposta del Direttore di Avvenire Marco Tarquinio (9 Agosto 2013):

"Sono tra quanti considerano con molta attenzione e molto rispetto il lavoro svolto in Commissione e in Aula alla Camera da un motivato gruppo di parlamentari di cui voi, cari deputati, siete parte importante per emendare e "migliorare" un testo di legge, quello sull’«omofobia», che purtroppo propone molte più ombre che luci e ancora minaccia di intaccare gravemente la stessa libertà di parola e di opinione in tema di omosessualità. Le vostre ventisei autorevoli firme di esponenti del Partito democratico e di Scelta civica confermano un più vasto e significativo impegno per scongiurare quell’esito nefasto, che diversi altri – nei vostri stessi partiti e nel Pdl, forze di maggioranza, come anche nei gruppi di opposizione di M5S e Sel – si ostinano invece a sottovalutare. Apprezzo da sempre le battaglie politiche e culturali condotte con le armi del dialogo e della chiarezza, ma apprezzo persino di più – da cittadino, da cronista e da cristiano – ogni limpida indisponibilità a condividere e introdurre nel nostro ordinamento norme programmaticamente ambigue e liberticide. Sono perciò lieto di registrare questa vostra duplice determinazione".

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Aprile 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 14 1 2 3 4 5 6 7
week 15 8 9 10 11 12 13 14
week 16 15 16 17 18 19 20 21
week 17 22 23 24 25 26 27 28
week 18 29 30
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter