Venerdì, 21 Giugno 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Caltanissetta #Ospedale: scandalosa decisione dell’ ASP 2

 

 

 

 

 

In base alle notizie trapelate tutte le Chirurgie del Sant’Elia saranno per tre giorni, dal 20 al 23 Ottobre, ridimensionate:


l’urologia passa da quattro a due sedute , chirurgia vascolare  da quattro a due, neurochirurgia da quattro a due, ortopedia da quattro a due, chirurgia generale da tre a due.

Dati che sono sconcertanti perché, tanto per fare un esempio, ogni chirurgia  dovrebbe avere cinque sedute operatorie settimanali, e invece le sedute chirurgiche da luglio sono passate da 22 (già insufficienti) a 10, tutto ciò per  tenere in vita 'ospedaletti' dove nessuno va ad operarsi..

Nel complesso questa gravissima decisione della Direzione comporterà l’aumento delle liste di attesa degli interventi riguardanti patologie gravi e molto gravi e una perdita secca per l’ospedale di Caltanissetta nell’ordine di  parecchie decine di migliaia di euro ogni giorno. Questa decisione cervellotica è stata presa per tenere in vita presso l’ospedale di Niscemi una chirurgia gestita in modo assurdo. In questo momento i due anestesisti dell’ospedale di Niscemi,  sono in malattia e per tenere in vita una chirurgia discutibile gli anestesisti nisseni sono costretti ad andare in trasferta là pur avendo un carico di lavoro  nullo. Infatti gli anestesisti nel pomeriggio non hanno alcuna seduta operatoria, mentre la mattinata è dedicata a pochi interventi, tutti misteriosamente in urgenza. In verità nella stragrandissima maggioranza dei casi essi non lo sono, e potrebbero essere tranquillamente programmati razionalizzando l’uso delle sale operatorie cosi come si fa in ogni chirugia del mondo civile.

In controaltare, a Caltanissetta gli interventi chirurgici dell’ospedale Sant’ Elia sono mediamente complessi, ciò perchè lo stesso nosocomio nisseno è ospedale di terzo livello e deve dare risposte concrete a tutti i cittadini del centro sicilia che in esso affluiscono. Come già spiegato all’ospedale di Niscemi invece, gli interventi riguardano appendiciti o poco più, con pazienti che vengono dichiarati in urgenza senza motivo e con costi economici assurdi. Senza contare che l’utenza del Basarocco è di trentamila abitanti, stante che Niscemi è circondata dagli ospedali di Gela, Caltagirone e Vittoria.

Giungono inoltre notizie di pazienti che da Gela vengono trasferiti a Niscemi per essere operati in urgenza di appendicite. Anche questo fa scandalo se si pensa che a Caltanissetta pazienti con fratture gravi o patologie oncologiche, sono costretti a ulteriori allungamenti delle loro liste d’attesa. Tutti si lamentano del Pronto Soccorso di Caltanissetta per il cattivo funzionamento dei servizi, il trasferimento degli anestesisti trasferiti a Niscemi in maniera ingiustificata accentuerà questo problema.

Non ci vengano a dire che a breve assumeranno anestesisti per Niscemi. La soluzione non passa da questa direzione. Le decisioni sono organizzative e sono ben altre. La Direzione Generale deve assumersi subito la responsabilità di potenziare i due ospedali principali di Caltanissetta e Gela, questa è la vera battaglia. Nessuno oggi può sopportare costi economici e rischi sanitari cosi spaventosamente alti, pur di soddisfare il desiderio di qualche operatore sanitario locale o di qualche piccolo paese, che continua a pensare che il mondo si è fermato al 1980.

@alepaganotwit

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Giugno 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter