Venerdì, 20 Ottobre 2017

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

AULA, Seduta 782: Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento. #dat

 

 

 

 

 

 


 

Testo unificato delle proposte di legge: Mantero ed altri; Locatelli ed altri; Murer ed altri; Roccella ed altri; Nicchi ed altri; Binetti ed altri; Carloni ed altri; Miotto ed altri; Nizzi ed altri; Fucci ed altri; Calabrò e Binetti; Brignone ed altri; Iori ed altri; Marzano; Marazziti ed altri; Silvia Giordano ed altri: Norme in materia di consenso informato e di disposizioni anticipate di trattamento

 

Emendamento 3.34 Calabrò, alla prima pagina del nuovo fascicolo

PRESIDENTE. Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto l'onorevole Pagano. Ne ha facoltà.

ALESSANDRO PAGANO. Presidente, questo emendamento è necessario, ma forse oserei dire anche indispensabile, perché le DAT non potrebbero che applicarsi se non quando c'è appunto il carattere di irreversibilità. Se infatti i pazienti lasciano le loro DAT, e poi alla fine la loro vita viene ad essere a repentaglio, nel senso che quella vita a seguito di un incidente verrebbe soppressa, è evidente che il risultato finale sarebbe drammatico. Per cui, Presidente, noi riteniamo indispensabile questo emendamento. È stato già detto che vi sono stati dei casi concreti anche in quest'Aula. Riteniamo assolutamente necessario ribadirlo in ogni circostanza e in ogni sede. Per cui non solo voteremo favorevolmente, ma desidero aggiungere anche la mia firma personale.

PRESIDENTE. Passiamo ai voti.

Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento Calabrò 3.34, con il parere contrario della Commissione, favorevole del relatore di minoranza, mentre il Governo si rimette all'Aula come su tutti gli emendamenti.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione).

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge

Emendamento 3.38 Palmieri.

PRESIDENTE. Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto, a titolo personale, l'onorevole Pagano. Ne ha facoltà.

ALESSANDRO PAGANO. Presidente, in un minuto si possono dire anche cose molto importanti. Vado in scia a quello che è stato detto dall'onorevole Palmieri quando diceva dell'esigenza di raccontare le cose bene e nel caso specifico, quindi, di proibire che dentro le DAT fossero inseriti l'istigazione al suicidio oppure l'omicidio indotto, così come previsto dagli articoli 575, 579 e 580 del codice penale. È un'esagerazione? È andato oltre il proponente di questo emendamento su cui noi abbiamo messo la firma? Mi pare proprio di no. L'osservazione è reale e quello che è accaduto in queste ultime settimane ne è la prova concreta.

Cosa è successo in Svizzera ad un paziente a cui va, ovviamente, il nostro massimo rispetto per la sua scelta, per quello che è il suo vissuto, per la sua storia personale, per le sue difficoltà psicologiche, per il fatto che sia stato abbandonato? E tuttavia nello stesso tempo ha desiderato di andare in Svizzera - il riferimento è a dj Fabo - per andare a fare un'operazione di suicidio assistito, assistito da persone che lo hanno aiutato in questo. Questa è l'esigenza di questo emendamento.

PRESIDENTE. Grazie, Onorevole Pagano. Il suo minuto è terminato.

Passiamo ai voti. Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento 3.38 Palmieri, con il parere contrario della Commissione e con il parere favorevole del relatore di minoranza.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione).

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge

Emendamento 3.39 Binetti.

PRESIDENTE. Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto l'onorevole Pagano. Ne ha facoltà.

 ALESSANDRO PAGANO. Grazie, Presidente. Intervengo solo per ricordare a tutti che la depressione è la malattia del secolo e per ricordare a tutti che quando si è lasciati da soli con se stessi e al proprio destino, senza nessuno che ti conforta - non che ti cura e che ti fa guarire ma che ti conforta -, che ti dà solidarietà umana, che ti dice che ti vuole bene, le cause di suicidio aumentano esponenzialmente. Il suicidio non è soltanto quello che si fa in maniera eclatante buttandosi dalla finestra, ma è anche quello di lasciarsi andare semplicemente non mangiando più, semplicemente non curandosi più, semplicemente quello che fanno tanti dei nostri anziani, tante delle nostre persone disabili, tante delle nostre persone che sono lasciate sole. La grande forza dell'Italia è sempre stata quella di avere avuto una solidarietà che va oltre il normale. È quell'amore che poi si manifesta concretamente verso l'altro, è quella capacità di dire: “Ti aiuto nonostante tu in questo momento sei in difficoltà”, salvo poi ricevere un ringraziamento postumo quando poi il malato esce fuori dal suo stato di malattia.

Presidente, questo è il ragionamento che noi ci sentiamo di fare. Non stiamo sviluppando sistemi eclatanti da un punto di vista tecnocratico, non stiamo suggerendo soluzioni che vanno oltre logiche di contrapposizione, ma stiamo dicendo, per favore, di interrogare le vostre coscienze e la vostra intelligenza e di dire se è normale una proposta di legge dove un emendamento del genere non viene preso in esame, dove non si può dire, in maniera essenziale e semplice e senza andare oltre le righe: “Se sei depresso - e io devo accertare che non sei depresso - non sei la persona giusta per rilasciare certi tipi di dichiarazioni”. Ma il cinismo politico, strumentale e ideologico ha raggiunto livelli così esagerati che anche le cose di buonsenso, anche le cose più ovvie e più normali non vengono più prese in considerazione.

Presidente, ribadiamo che questo emendamento è un emendamento di civiltà e, quindi, apponiamo la firma come gruppo.

PRESIDENTE. Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento 3.39 Binetti, con il parere contrario della relatrice di maggioranza e favorevole del relatore di minoranza.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione).

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge

PRESIDENTE: Avverto che, a seguito dell'approvazione degli identici emendamenti 3.25 Monchiero e 3.26 Murer, che ha determinato la modifica del comma 4 dell'articolo 3, l'emendamento 3.43 Pagano sarà posto in votazione espungendo dalla parte consequenziale il riferimento alla soppressione del medesimo comma 4. È chiaro, onorevole Pagano? Perfetto.

Passiamo ai voti. Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento 3.43 Pagano, con il parere contrario della Commissione e favorevole del relatore di minoranza.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione).

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge.

Emendamento 3.53 Roccella, con il parere contrario della relatrice per la maggioranza e favorevole del relatore di minoranza.

PRESIDENTE. Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto, a titolo personale, l'onorevole Pagano. Ne ha facoltà.

ALESSANDRO PAGANO. Grazie Presidente. Dobbiamo poi trattare in maniera concreta i fatti, e allora desidero - peccato che il tempo sia finito con somma gioia di quanti ovviamente hanno lavorato perché noi non potessimo esprimere compiutamente il nostro pensiero - che ciascuno di voi vada a fare la ricerca di quelli che furono i verbali degli ufficiali sanitari che la regione Friuli Venezia Giulia indicò per seguire il caso di Eluana Englaro.

Eluana Englaro soffrì bestialmente; so che molti si infastidiscono quando sentono il nome di Eluana Englaro e fanno bene ad infastidirsi perché hanno evidentemente la coscienza sporca. Soffrì bestialmente, utilizzo questo termine, e non è che lo dico io o lo dice un cronista, lo dicono gli ufficiali sanitari che seguirono la sua morte in quei giorni. Quindi, io dico che questo è un bel pugno alla coscienza di ciascuno di quelli che voteranno a favore di…

PRESIDENTE. Grazie, onorevole Pagano.

PRESIDENTE. Passiamo ai voti.

Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento 3.53 Roccella, con il parere contrario della Commissione e il parere favorevole del relatore di minoranza.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione).

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge

PRESIDENTE. Passiamo alla votazione dell'emendamento 3.54 Pagano.

Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto l'onorevole Pagano. Ne ha facoltà.

ALESSANDRO PAGANO. Presidente, questo emendamento è essenziale: chiediamo la soppressione del comma 2, che sostanzialmente - lo ricordo a tutti - narra del fiduciario. Perché ne chiediamo la soppressione? Perché l'esperienza concreta dimostra che su questa figura si mestano ipotesi tra le più svariate. Sono svariati gli ospedali americani importanti che hanno fatto statistiche circa le volontà coincidenti tra il fiduciario e la persona malata, il paziente, e naturalmente stiamo parlando di persone che sono ancora in vita: ebbene, nel 50 per cento dei casi, con la persona in vita, tra fiduciario scelto, quindi non imposto, e il paziente stesso c'è una dissonanza.

Se vi sono percentuali pari al 50 per cento, non voglio dire se il fiduciario era a favore della vita o della morte, voglio dire che non c'è coincidenza tra le volontà. Allora, è evidente che questa figura del fiduciario deve essere reimmaginata, riscritta di nuovo, non può essere scritta così, non può essere messa nelle DAT. Sono aspetti non banali, senza contare poi che le miserie umane sono tra le più infinite: che cosa ne sappiamo, poi, che cosa pensa magari il fiduciario, in termini di eredità o in termini di altri interessi più venali? Lo sto dicendo perché questa è la vita di tutti i giorni. Allora penso che questo emendamento - anche se so che sarà bocciato - però deve servire anche a far riflettere, perché questa norma non è solo pasticciata, incostituzionale, non si potrà mai applicare, è scritta male e chi più ne ha più ne metta, ma fra le tante altre cose ci sono tanti problemi anche di ordine pratico non risolti.

PRESIDENTE. Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento Pagano 3.67, con il parere contrario della Commissione, favorevole del relatore di minoranza.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione).

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge

Passiamo alla votazione dell'emendamento 3.71 Palmieri.

Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto, a titolo personale, l'onorevole Pagano. Ne ha facoltà.

ALESSANDRO PAGANO. Presidente, nei tre precedenti interventi abbiamo spiegato le nostre perplessità sulla figura del fiduciario, nel modo in cui è stata scritta questa proposta di legge. Questa è la quarta e ultima puntata, per quanto ci riguarda, perché spiega - ed è sorprendente come il tutto non sia stato immaginato non voglio dire in questa formula o in questo modo ma almeno immaginato - il caso di contrasto tra il fiduciario e il l'équipe medica o, comunque in generale, in caso di contrasto. Ricordo ancora una volta le statistiche, che ci dicono che, nel 50 per cento dei casi, non c'è accordo tra il paziente e il fiduciario; immaginiamoci quando il paziente non ci sarà più.

Allora, io penso che questo emendamento, più che servire a risolvere un problema su una proposta di legge, che ormai a definirla zoppa è dire poco, serve a mettere altra carne al fuoco, a spiegare all'opinione pubblica - perché poi andrete nei territori e dovrete spiegare queste leggi al vostro popolo - che ovviamente è una legge, non solo inapplicabile…

PRESIDENTE. Grazie, onorevole Pagano…

ALESSANDRO PAGANO. …non solo ingiusta, ma assolutamente anche sbagliata da un punto di vista tecnico.

PRESIDENTE. Grazie.

Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento 3.71 Palmieri, con il parere contrario della Commissione e con il parere favorevole del relatore di minoranza.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione)

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge (Vedi votazione n. 20).

PRESIDENTE. Passiamo all'emendamento 3.122 Gigli.

Ha chiesto di parlare per dichiarazione di voto l'onorevole Pagano. Ne ha facoltà.

ALESSANDRO PAGANO. Presidente, desidero apporre la firma a questo emendamento, che recita sostanzialmente che il medico può disattendere il contenuto delle DAT fino a che l'evoluzione del quadro clinico non faccia presumere che esso sia divenuto permanente. Per dire questo, per dimostrare ed invitare i colleghi a riflettere, non tanto a votare, ormai mi pare che l'andazzo sia chiaro, racconterò, leggerò nei quaranta secondi che mi restano quello che Umberto Scapagnini, il nostro prestigioso collega nella scorsa legislatura, ebbe modo di dire in quest'Aula, forse proprio da uno di questi banchi: “Io sono qui e devo raccontare a quest'Aula e al mondo che chi è in coma è vivo. Solo dopo essere uscito dal coma ho capito perché il Signore mi ha dato tutte queste prove, perché ho avuto la peggiore forma di cancro, perché ho patito i dolori più atroci, perché ho avuto in dono la mia vita la seconda volta: perché dovevo raccontare quanto mi è accaduto e dare testimonianza di quanto sia importante una vita, anche quella che apparentemente è in un letto a vegetare, che, invece, altri non sanno essere viva in tutto e per tutto. Io prima della malattia”…

PRESIDENTE. Grazie, onorevole Pagano.

ALESSANDRO PAGANO. Presidente, dieci secondi.

PRESIDENTE. Onorevole Pagano, ha finito il suo tempo, non se ne approfitti.

ALESSANDRO PAGANO. “Io prima della malattia avrei firmato sul biotestamento e, ancora oggi, penso che, invece, sia profondamente sbagliato farlo”.

PRESIDENTE. Indìco la votazione nominale, mediante procedimento elettronico, sull'emendamento 3.122 Gigli, con il parere contrario della Commissione e favorevole del relatore di minoranza.

Dichiaro aperta la votazione.

(Segue la votazione)

Avverto che il gruppo Civici e Innovatori ha esaurito il tempo previsto dal contingentamento per il seguito dell'esame. Essendone stata fatta richiesta, la Presidenza concederà a tale gruppo un tempo aggiuntivo pari alla metà di quello originariamente previsto.

Avverto che sono esauriti anche i tempi aggiuntivi concessi dalla Presidenza per gli interventi a titolo personale. La Presidenza concederà, per interventi a titolo personale, un ulteriore tempo aggiuntivo pari ad un quarto di quello originariamente previsto.

Dichiaro chiusa la votazione.

La Camera respinge

 

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Ottobre 2017 Prossimo mese
L M M G V S D
week 39 1
week 40 2 3 4 5 6 7 8
week 41 9 10 11 12 13 14 15
week 42 16 17 18 19 20 21 22
week 43 23 24 25 26 27 28 29
week 44 30 31

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter

Login Form