Lunedì, 25 Giugno 2018

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

#Salvini sfonda anche in #Sicilia

 

 

 

 

 

 

I leghisti: "Messaggio a Musumeci"

Il Carroccio sopra il 5 nell'Isola. Eletti Bongiorno, Lo Monte e Pagano, che dice: "Il nostro è un progetto nazionale".


Chissà chi ci avrebbe creduto se tre o quattro anni fa gli avessero detto che la Lega in Sicilia avrebbe superato il cinque per cento. Il grande successo dl partito di Salvini diventato nazionale si deve anche a questo. Alla possibilità di sfondare fuori dal Nord, intercettando voti anche nel Mezzogiorno. In Sicilia sono tre i parlamentari nazionali leghisti eletti, due vecchie conoscenze della politica, l'ex lombardiano Carmelo Lo Monte e l'ex forzista Alessandro Pagano, e una novità, l'avvocato Giulia Bongiorno.

Chi torna in Parlamento è Alessandro Pagano. Il politico nisseno, dopo l'esperienza del Nuovo centrodestra alfaniano, ha scelto Salvini, lavorando in quest'anno e mezzo all'organizzazione del partito nella Sicilia occidentale. “Il risultato in Sicilia dimostra che la valenza del progetto è nazionale, con ideali, valori, principi, che riguardano la persona, con un programma che mette al centro l'uomo. Quello che le ideologie si ostinano a tenere fuori”.

Insomma, per Pagano c'è un umanesimo leghista che va oltre la protesta e il voto di pancia: “Questo non è un partito solo di slogan, è un soggetto a fortissima valenza antropologica perché mette al centro la persona. E ci si ritrovano, infatti, persone dalla Sicilia al Trentino Alto Adige. Questo non è un partito di quelli che sbraitano e abbiamo fatto un lavoro di un anno e mezzo per farlo capire. Qualche tempo fa i sondaggi ci davano allo 0,6 in Sicilia e da lì piano piano siamo cresciuti”. Un'ascesa che Salvini ha costruito anche con le sue sempre più frequenti visite in Sicilia. E proprio in un'intervista a Livesicilia, il leader del Carroccio annunciò che dal simbolo sarebbe uscita la parola "Nord".

La Lega ha ottenuto punte del 6 e del 7 a Messina, dove ce l'ha fatta Lo Monte (allo scorso giro eletto con Tabacci, centrosinistra) e Caltanissetta, la provincia di Pagano. Nettamente vinto il derby sovranista con Fratelli d'Italia, che pur schierando i candidati del movimento di Nello Musumeci, è stato staccato di due punti dal Carroccio nell'Isola. “Un messaggio che arriva anche al presidente Musumeci dopo certe sue scelte”, dice Pagano, accennando all'esclusione della Lega dal governo regionale. Insomma, i siciliani sembrano aver dimenticato le uscite antimeridionaliste e gli insulti di marca leghista di qualche anno fa. “Ho visto nelle ultime settimane un exploit di fake news in questo senso – dice Pagano -, ma sono facilmente smontabili. Basta andare su bufale.net, solo qualche allocco ci casca. Salvini è una delle persone più gentili che io conosca”.

6 Marzo 2018

@alepaganotwit

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Giugno 2018 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2 3
week 23 4 5 6 7 8 9 10
week 24 11 12 13 14 15 16 17
week 25 18 19 20 21 22 23 24
week 26 25 26 27 28 29 30

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter