Mercoledì, 19 Dicembre 2018

 

-

 

 

-

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

#Salvini sfonda anche in #Sicilia

 

 

 

 

 

 

I leghisti: "Messaggio a Musumeci"

Il Carroccio sopra il 5 nell'Isola. Eletti Bongiorno, Lo Monte e Pagano, che dice: "Il nostro è un progetto nazionale".


Chissà chi ci avrebbe creduto se tre o quattro anni fa gli avessero detto che la Lega in Sicilia avrebbe superato il cinque per cento. Il grande successo dl partito di Salvini diventato nazionale si deve anche a questo. Alla possibilità di sfondare fuori dal Nord, intercettando voti anche nel Mezzogiorno. In Sicilia sono tre i parlamentari nazionali leghisti eletti, due vecchie conoscenze della politica, l'ex lombardiano Carmelo Lo Monte e l'ex forzista Alessandro Pagano, e una novità, l'avvocato Giulia Bongiorno.

Chi torna in Parlamento è Alessandro Pagano. Il politico nisseno, dopo l'esperienza del Nuovo centrodestra alfaniano, ha scelto Salvini, lavorando in quest'anno e mezzo all'organizzazione del partito nella Sicilia occidentale. “Il risultato in Sicilia dimostra che la valenza del progetto è nazionale, con ideali, valori, principi, che riguardano la persona, con un programma che mette al centro l'uomo. Quello che le ideologie si ostinano a tenere fuori”.

Insomma, per Pagano c'è un umanesimo leghista che va oltre la protesta e il voto di pancia: “Questo non è un partito solo di slogan, è un soggetto a fortissima valenza antropologica perché mette al centro la persona. E ci si ritrovano, infatti, persone dalla Sicilia al Trentino Alto Adige. Questo non è un partito di quelli che sbraitano e abbiamo fatto un lavoro di un anno e mezzo per farlo capire. Qualche tempo fa i sondaggi ci davano allo 0,6 in Sicilia e da lì piano piano siamo cresciuti”. Un'ascesa che Salvini ha costruito anche con le sue sempre più frequenti visite in Sicilia. E proprio in un'intervista a Livesicilia, il leader del Carroccio annunciò che dal simbolo sarebbe uscita la parola "Nord".

La Lega ha ottenuto punte del 6 e del 7 a Messina, dove ce l'ha fatta Lo Monte (allo scorso giro eletto con Tabacci, centrosinistra) e Caltanissetta, la provincia di Pagano. Nettamente vinto il derby sovranista con Fratelli d'Italia, che pur schierando i candidati del movimento di Nello Musumeci, è stato staccato di due punti dal Carroccio nell'Isola. “Un messaggio che arriva anche al presidente Musumeci dopo certe sue scelte”, dice Pagano, accennando all'esclusione della Lega dal governo regionale. Insomma, i siciliani sembrano aver dimenticato le uscite antimeridionaliste e gli insulti di marca leghista di qualche anno fa. “Ho visto nelle ultime settimane un exploit di fake news in questo senso – dice Pagano -, ma sono facilmente smontabili. Basta andare su bufale.net, solo qualche allocco ci casca. Salvini è una delle persone più gentili che io conosca”.

6 Marzo 2018

@alepaganotwit

 

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Dicembre 2018 Prossimo mese
L M M G V S D
week 48 1 2
week 49 3 4 5 6 7 8 9
week 50 10 11 12 13 14 15 16
week 51 17 18 19 20 21 22 23
week 52 24 25 26 27 28 29 30
week 1 31

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter