Martedì, 21 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

I libertini sono diventati bacchettoni? O sono rimasti farisei?

Da oltre due mesi il Presidente del consiglio Silvio Berlusconi è oggetto di accaniti attacchi sulla sua vita privata guidati dal giornale-partito La Repubblica e dalla sinistra in genere. Nessun dubbio sulla strumentalità dell’attacco, visto che non è la prima volta che cercano di distruggerlo con questioni politiche e giudiziarie. Oggi tocca alla sua vita privata.

Hanno iniziato con la moglie Veronica, poi con la diciottenne Noemi, quindi con la signora (si fa per dire) D’Addario, poi chissà cosa tireranno fuori dal cilindro. Su questo argomento tutti sono diventati moralisti e gridano allo scandalo, soprattutto la parte catto-comunista tipo Famiglia Cristiana e i figli di quella Sinistra salottiera e radical-chic.

Proveremo a dare delle risposte del perché tutto questo e a tal fine utilizzeremo a piene mani l’illuminata intervista (in corsivo in questo approfondimento), apparsa su La Sicilia del 28-06-2009 da parte del Vescovo di Piazza Armerina, Mons. Michele Pennisi.

Andiamo in ordine:

1) Quanti oggi attaccano Berlusconi sulla questione morale sono guarda caso coloro che per decenni hanno predicato e inoculato veleni e tossine di sesso libero sempre e comunque, anche con minorenni; sono i promotori del divorzio subito e dell’aborto a tutti i costi; sono coloro che si indignano ogni volta che la Chiesa parla di morale; sono coloro che reclamano con offese, rancori e insulti, la laicità dello Stato.

2) " Che la questione morale venga messa al centro dell’attenzione della politica italiana è un bene, perché la moralità degli uomini politici è un fatto essenziale per restituire valore ideale all'impegno politico e trasformarlo in vera e propria "carità politica". Ma a questo punto occorre chiedersi, se la "questione morale" sollevata da improvvisati Catoni non sia usata come una clava per distruggere o delegittimare i propri avversari politici e se dietro le loro campagne moralistiche non si nascondano ipocritamente interessi economici e strumentalizzazioni elettorali di basso profilo".

3) "La morale non si può lottizzare. I dieci comandamenti o stanno assieme o cadono assieme a partire dal primo che mette Dio al primo posto". Oggi fa un certo effetto vedere quelli che sostengono ad oltranza il capriccio individuale e l’amore libero diventare di colpo i difensori del buoncostume. "Da quale pulpito viene la predica quando coloro che esaltano il libertinaggio morale del singolo individuo e sostengono campagne di legittimazione della soppressione di esseri umani innocenti o in favore della selezione eugenetica degli esseri umani in stato embrionale o dell'eutanasia come progetto di estensione del suicidio assistito, si ergono a difensori della morale altrui. I casi sono due: o sono diventati di botto bacchettoni o sono rimasti farisei."

4) Il Paese non deve scadere nel facile moralismo, che consiste nell’osservare regole astratte per sé stessi e intransigenti per gli altri. "E’ l’atteggiamento di chi pensa di avere le mani pulite, ma non si accorge di avere il cuore sporco".

5) Conclusioni: sulla vicenda Berlusconi nessuno si può permettere di criticare e moralizzare il Premier, intanto perché molte delle accuse sono inesistenti (come lo erano i processi contro di lui intentati e che lo hanno visto assolto decine e decine di volte) e poi perché "chi è senza peccato scagli la prima pietra " e la Sinistra nell’armadio scheletri di questo tipo ne ha centinaia.

E per tutti quanti sono impegnati in politica il Vescovo di Piazza Armerina si permette di suggerire di "vivere in conformità con la propria coscienza illuminata dalla fede, per concepire l'impegno politico come un atto di amore gratuito a servizio della comunità ".

Alessandro Pagano

Domenico Bonvegna

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter