Martedì, 21 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Il Razzismo in Italia fra false accuse e inconfutabili verità

In margine allo slancio ideale del nostro popolo e dei pessimi comportamenti di un certo mondo calcistico.

Il Commissario del Consiglio d’Europa Thomas Hammarberg, il 20 Aprile u.s. in occasione della vicenda PINAR (il cargo turco con 154 clandestini a bordo) ha affermato che gli italiani sono razzisti e xenofobi.

Questo commissario che è stato giustamente definito un cialtrone e che è stato accompagnato nel suo tour italiano da esponenti di Rifondazione Comunista ha detto cose assolutamente false e che hanno nuociuto all’immagine dell’Italia.

Le cronache della PINAR invece sono uno spaccato sostanziale di un Paese quale il nostro che non perde occasione per mostrare la propria umanità e la propria generosità verso chi arriva dalle zone più povere del pianeta.

Sono stati infatti 154 i clandestini a cui è stata letteralmente salvata la vita dai nostri soldati pur essendo in acque territoriali maltesi. Malta a seguito di accordi con l’UE infatti, dovrebbe recuperare questi sventurati che finiscono nelle sue acque anche perché riceve dall’UE quantità inverosimili di denari per svolgere questo compito. Ma questo Consiglio d’Europa non ha mai ritenuto di richiamare i maltesi al loro dovere e che se ne fregano se qualche clandestino, passerà tra le più indicibili sofferenze, ad altra vita; mentre offende continuamente noi italiani che invece a gratis e per vero spirito umanitario salviamo questi poveretti.

Questo esempio per capire come siamo ingiustamente trattati dall’Europa grazie ai veleni che ci regalano coloro che tradiscono la Patria per motivazioni politiche. Conclusione, gli italiani non sono né razzisti né xenofobi.

Cosa diversa è invece quanto accade negli stadi calcistici dove giocatori di colore vengono offesi per la loro pelle. L’ultimo in ordine in ordine di tempo, esattamente nella stessa giornata del 20 Aprile, Mario Balotelli giocatore dell’Inter.

Attenzione! Balotelli è un maleducato strutturato con tendenze al bullismo e quindi attira su di se molte antipatie, ma da qui ai cori razzisti ce ne vuole.

C’è nei nostri stadi una antica cultura razzista che resiste a tutto e a tutti.

Allora delle due l’una: o i vertici del calcio italiano e il Governo intervengono ognuno per le proprie competenze per risolvere questo problema con pene severissime per i calciatori che provocano (bianchi o neri poco importa), e senza alcuna indulgenza per il tifo organizzato che si macchia di quest’onta, oppure nessuno si lamenti se poi ci dicono che siamo razzisti.

E nessuna giustificazione potrà essere addotta, a maggior ragione quella del Presidente della Federcalcio Giancarlo Abete, che conosco personalmente e che stimo ma che stavolta è andato oltre nella sua difesa d’ufficio, quando ha cercato di trovare le attenuanti generiche al nostro movimento calcistico, "non siamo la feccia del mondo", ha dichiarato Abete.

E invece no, Presidente! Nel calcio siamo la feccia del mondo e la pessima reputazione che godiamo, stavolta è più che giustificata.

E tutto ciò perché culturalmente tanti opinion leader di destra o di sinistra, atei o credenti, superficiali o impegnati continuano, in nome di una pseudo passione per i propri colori calcistici, a tollerare e difendere l’indifendibile, anziché prendere la giusta decisione per debellare questo triste fenomeno.

Alessandro Pagano

Dim lights Embed Embed this video on your site

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter