Venerdì, 24 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

La nuova barbarie

Due settimane fa sono partiti i primi processi in cui il Comune di Milano si è costituito parte civile contro i graffitari. Con questo termine vengono indicati artisti, ma molto più spesso vandali, che spray alla mano lasciano le loro scritte su muri pubblici e privati.

Senza dubbio sono forme di espressione che non migliorano l’ambiente in cui vengono realizzati anche se qualcuno si ostina a chiamarle opera d’arte. Sono, invece, ombra di quella devianza sociale che scaturisce nel vandalismo puro.

Non è infatti ammissibile che chiunque possa sentirsi in diritto di imbrattare tutto ciò che capita a tiro con scarabocchi o poco più!

Spesso questi teppistelli imbrattano persino monumenti storici o opere d’arte di valore inestimabile e la cosa più grave è che lo fanno indisturbati!

Recentemente studenti giapponesi sono stati sanzionati per aver sporcato i muri della città di Firenze mentre erano in gita. Per noi italiani invece tutto ciò ci lascia indifferenti.

Cosa si può fare per risolvere la situazione? Vogliamo continuare a vivere in ambienti urbani degradati ed essere sottomessi da ragazzini grafomani o peggio ancora da quegli "squatter" eredi della peggiore tradizione sessantottina?

Intanto la "piaga" dell’imbrattamento dei muri sta assumendo proporzioni sempre maggiori ed è chiaro che c’è una tendenza culturale irrefrenabile verso ciò che è "caos e bruttura". Al di là della ricerca delle cause sociali di tale malcostume mai come adesso è opportuno regolamentare con maggiore fermezza l’attuale disciplina estendendo le ipotesi di reato, oltre che al deturpamento e imbrattamento delle opere di interesse storico-monumentale, anche a tutti i manufatti che disegnano con i loro affacci l’immagine della città e che è ciò che, da un punto di vista urbanistico, ha immediata percezione.

Ecco perché il PDL ha presentato una proposta di legge, primi firmatari l’On. Sabatino Aracu e l’On. Alessandro Pagano, al fine di tutelare anche le zone dei quartieri periferici per le quali è altresì necessario mantenere il decoro estetico degli edifici che spesso versano in condizioni di degrado proprio a causa, appunto, delle scritte murali; pratica, quest’ultima, che non risparmia né abitazioni private, né scuole, né chiese.

Lo scenario urbano che ne consegue è assolutamente desolante, senza considerare il danno economico che i comuni, gli organismi competenti ed i privati sono costretti a sostenere per ripristinare l’edificio.

Contro la stupidità di questi vandali, purtroppo, non sono sufficienti l’impegno e gli sforzi che le Forze dell’Ordine, i Carabinieri e la polizia municipale prodigano per prevenire tali fenomeni, poiché è difficile, per non dire impossibile, tenere sotto costante controllo tutte le strade di tutti i quartieri.

Pertanto, l’ iniziativa, si propone una riformulazione dell’articolo 639 del codice penale, estendendone le sanzioni a chi deturpa o imbratta con scritte e segnaletica varia i muri pubblici e privati, le attrezzature per il tempo libero, le panchine, i plessi monumentali, i contenitori di igiene pubblica e i porta rifiuti, ed in genere le cose mobili o immobili altrui: le pene possono arrivare, nel caso di recidiva, anche alla reclusione fino a tre mesi, e alla multa da 200 euro a 500 euro oltre che all’obbligo di sostenere le spese di ripristino e ripulitura.

Queste norme finalmente ci metterebbero in linea con la normativa degli altri Paesi occidentali, ma soprattutto l’operazione risulterebbe vincente anche e soprattutto sotto un profilo culturale.

Le nuove generazioni sarebbero infatti educate al rispetto dell’ambiente che li circonda.

Alessandro Pagano

Dim lights Embed Embed this video on your site

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter