Venerdì, 21 Giugno 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Lettera aperta al Ministro Alfano: l'Italia è stanca delle sentenze scandalo!

Gent.mo Signor Ministro della Giustizia On. Angelino Alfano,

l’anno scorso l’omicidio di Giovanna Reggiani avvenuto a Roma con modalità orripilanti colpì tutto il Paese.

Si trattò di un episodio mostruoso, l’assassino, un rumeno che per sadismo aveva seviziato e ucciso per pochi spiccioli la povera Giovanna Reggiani, fu trovato ricoperto di sangue e fino all’ultimo, fino alla sentenza, scelse di negare la colpevolezza (e ciò è senza dubbio un aggravante).

Ebbene, a questi giudici dall’anima bella, proprio non è sfiorata l’idea che in un caso come questo sarebbe stata necessaria la pena esemplare dell’ergastolo e che invece questa sentenza è quanto di più inetto, ipocrita e diseducativo si possa immaginare.

Ascolti cosa sentenzia la 3^ sezione della Corte di Assise del Tribunale di Roma:

"La spoliazione della vittima e i connessi toccamenti, sono scaturiti del tutto occasionalmente dalla combinazione di due fattori contingenti: lo stato di completa ubriachezza e di ira per un violento litigio sostenuto dall’imputato e la fiera resistenza della vittima. In assenza degli stessi, l’episodio criminoso, con tutta probabilità, avrebbe avuto conseguenze assai meno gravi".

Andando avanti nella lettura, si legge che a causa della reazione della vittima il reo, «non riesce ad averne ragione a mani nude»; la sua responsabilità, unico aggressore, «è pienamente provata. La selvaggia violenza dei colpi sarebbe stata inutile se l’azione fosse stata condotta da più persone»; ciononostante «all’epoca egli era ventiquattrenne, incensurato e l’ambiente in cui viveva era degradato. Queste circostanze, assieme al dettato costituzionale secondo cui la pena deve tendere alla rieducazione, inducono la Corte a risparmiargli l’ergastolo, concedendogli le attenuanti generiche equivalenti alle aggravanti contestate».

Ministro Alfano, Lei che è la speranza di una nuova Italia, ma si può scrivere una sentenza con queste motivazioni? Tutti sanno che l’immigrazione criminale sceglie l’Italia perché grazie alle leggi e ai giudici permissivi si può facilmente delinquere.

Siamo diventati importatori di delitti. Le scappatoie sono infinite e molti, troppi malfattori sfuggono al carcere perchè hanno capito che l’Italia è un Paese dove si può commettere qualsiasi reato e non pagare quasi mai il conto. All’epoca del delitto le stesse autorità rumene dichiararono: "Da noi la situazione è tranquilla perché i nostri delinquenti sono venuti tutti da voi".

Ministro sa perché molti giudici in Italia, mantengono un atteggiamento permissivo sulle espulsioni degli extracomunitari che delinquono? Proviamo a spiegarlo citando le stesse dichiarazioni delle autorità rumene: "i giudici rumeni in epoca comunista non punivano i furti dei rom perché li consideravano manifestazioni di lotta di classe".

A questo proposito Solzenycin scriveva su "Arcipelago Gulag" che coloro che erano detenuti lì per furto venivano trattati meglio dei dissidenti al Regime Comunista, in quanto Stalin insegnava che i ladri sono socialmente vicini ai comunisti: entrambi, sia pure con mezzi diversi, lottano contro la proprietà privata.

Certamente i nostri giudici non arrivano a questi eccessi ma molte "toghe rosse", che l’ideologia rende buonisti nei confronti degli extracomunitari che delinquono, si comportano in ugual maniera.

Ministro c’è da inorridire!! La povera Giovanna Reggiani è colpevole perché ha resistito, perché le cosce le ha tenute serrate e il seno ha cercato di proteggerlo dall’insulto. Giovanna è colpevole perché se non avesse fatto quella resistenza nessuno l’avrebbe ammazzata, al massimo sarebbe stata solo seviziata, violentata, rapinata e riempita di botte. Se avesse capito, la sventata, che il suo povero assalitore altro non era che un ragazzino sbandato, ubriaco e anche un po’ incazzato perché poco prima gli era toccato di sostenere un litigio, che in fondo la voleva solo spogliare parzialmente e toccarla un po’, che le voleva portare via la borsetta e poi lasciarla in pace, ecco se fosse stata abbastanza furba da comprendere le circostanze e la psicologia dell’assassino, oggi sarebbe viva. È lei la colpevole!

Basta Ministro! Nella prossima riforma che Lei sta sapientemente portando in porto, devono essere previste misure punitive per quei giudici che di cotanta arroganza e volgarità ne hanno fatto una ragione di vita al punto di distruggere la nostra Italia.

Alessandro Pagano

Domenico Bonvegna
Download Embed Embed this video on your site

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Giugno 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 22 1 2
week 23 3 4 5 6 7 8 9
week 24 10 11 12 13 14 15 16
week 25 17 18 19 20 21 22 23
week 26 24 25 26 27 28 29 30
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter