Giovedì, 30 Maggio 2024


-



.

 

 

 

Seguimi su Facebook e Twitter

Fino al 2004

Immigrazione - Sugli sbarchi indaga l'Antimafia

CALTANISSETTA (Tratto da "La Sicilia, Fatti & Notizie") - l’Antimafia indaga sugli sbarchi dei clandestini in Sicilia. Ha deciso di farlo in seguito a due note che le sono pervenute da Roma nelle scorse settimane. Una è partita dalla Presidenza dei Consiglio dei ministri, l’altra dal Vicinale. Secondo il Ministero degli Interni esiste più di un fondato sospetto, che a indirizzare i nordafricani in Italia, attraverso la Sicilia, siano gli uomini della mafia internazionale. Molti di questi disperati hanno confermato di aver pagato fior di milioni per un posto nella ‘boat people’ della speranza.

Leggi tutto...

 

Incontro con l’On.le Alessandro Pagano, Assessore regionale alla Sanità.

(Tratto da: "Socialità" - n.3 anno 1) - Possiamo tirare un primo bilancio della sua attività?

Certamente. Sembrava per molti versi l'Alcazar dopo l'assedio, la sanità siciliana, e non solo la sanità, quando il Polo ha preso ad amministrare la Regione. Sono state poste le basi, per una riorganizzazione del settore, per riavvicinare la gente alle strutture ed ai presidi, attraverso l'elevamento degli standards qualitativi e quantitativi. Si è cominciato con la ristrutturazione della Rete Ospedaliera Regionale che è stata attuata nello scorso dicembre con il beneplacito di tutti i vari organi prepostì alla sua verifica. Nello scorso dicembre, la rete suddetta, ha trovato una sua attuazione ed ha ad oggi un suo riconosciuto e diffuso consenso. Il primo passaggio, il più delicato è stato però quello delle nomine dei Direttori Generali nelle USL e nelle Aziende Ospedaliere. Sulle nomine effettuate dal precedente governo pendeva di fatto un giudizio negativo della Corte dei Conti. A tutte le 27 nomine proposte dal nostro governo, basate su criteri di oggettività e trasparenza, la Corte dei Conti ha dato invece definitivo nullaosta, già nel gennaio scorso.

Leggi tutto...

   

La Sanità Siciliana va verso il potenziamento qualitativo dei propri servizi

(Tratto da: SICILIA TEMPO n°345) - La Sanità è sicuramente uno dei settori piu controversi, sia in àmbito regionale che nazionale. Un comparto nel quale convivono picchi di professionalità eccelsa (che il mondo ci invidia) ed episodi da Terzo Mondo, che destano periodicamente i malumori dell'opinione pubblica. Forse, per˜, è vero quanto ci ha detto I'Assessore regionale alla Sanità, Alessandro Pagano, iniziando l'intervista: "La buona sanità non fa mai notizia",. E per contravvenire a questa, che sembrerebbe quasi una regola tacita, che noi continuiamo a parlare anche della "buona sanità" che, se non fa notizia, almeno dà fiducia.

Leggi tutto...

   

Già stabiliti i primi interventi di urgenza

(Tratto da "Giornale di Sicilia") - Sanità: Via libera al nuovo piano di edilizia sanitaria

La VI Commissione Legislativa dell'Ars ha dato il via libera per il Piano di Edilizia Sanitaria; un Piano che nasce nel 1988 secondo l'art 20 della legge 67, e che ha comportato fino ad ora un investimento da parte della Regione Siciliana di 1057 miliardi. Di questa cifra, nel primo triennio, sono stati spesi 650 miliardi, e adesso, a distanza di quasi un anno e mezzo dalla fine del primo triennio, è stato rimesso in moto il meccanismo per il rifinanziamento degli investimenti in Sanità. Lo Stato ha predisposto, secondo le direttive di questa legge, finanziamenti di 15.000 miliardi, di cui più di 2400 sono stati destinati alla Sicilia.

Leggi tutto...

   

La Sanità possibile

Comincia l'iter per l'approvazione del piano sanitario regionale: informatizzazione e risparmio i punti cardine della bozza.

Dopo quattordici mesi di fatica e mediazioni tra istanze differenti e, spesso, collidenti, l'Assessorato regionale alla Sanità ha esitato il Piano Sanitario regionale, che ridisegna i termini e le modalità dell'assistenza sanitaria in Sicilia. II futuro e le mansioni di ospedali, ambulatori e tutta la complessa congerie di strutture che sostenta la Sanità nell'isola è determinato nella corposa bozza del Piano, che dovrebbe assicurare una risposta adeguata alle istanze sanitarie di cinque milioni di siciliani. é la prima volta, a detta dell'Assessore alla Sanità Alessandro Pagano, che le necessità dei cittadini vengono razionalmente confrontate alla disponibilità finanziaria effettiva esistente. Addio ai "libri dei sogni" dunque, con buona pace dei sognatori.

Leggi tutto...

   

Con una nuova e modernissima struttura, la Sicilia d'ora in poi avrà a Palermo il suo primo centro per il trapianto degli organi

Con una spesa di 103 miliardi (il 95% di questi finanziati dallo Stato ed il 5% dalla Regione Siciliana), tra circa sei mesi sarà operativo il primo Centro Trapianti di organi in Sicilia e completato nel 1999. L'ISMETT, (Istituto Mediterraneo i Trapianti e Terapie ad alta Specializzazione) è stato definitivamente ufficializzato e, attraverso il suo Consiglio di amministrazione, ha fatto sapere che appunto tra sei mesi verrà effettuato il primo trapianto di fegato nel padiglione chirurgia toracica dell'Ospedale Civico di Palermo già visitato da un'équipe di esperti americani e italiani (nel contempo si sta già pensando alla predisposizione di alcuni locali per la terapia intensiva e la rianimazione post-operatoria).

Leggi tutto...

   

Una nuova nomenklatura nei progetti del PDS

(Tratto da: La Frontiera - Periodico di attualità polica) - Durante i mesi scorsi il Sole 24 ore ha trattato all’interno di una sua rubrica, un dibattito su "Come uscire da tangentopoli". Il 17 Marzo ha sviluppato il suo commento Pietro Folena responsabile del settore Giustizia e Sicurezza della direzione del Partito Democratico della Sinistra, nonchè vicerè in Sicilia dello stesso partito.

Leggi tutto...

   

Un piano sanitario regionale che coniughi domanda e offerta.

(Tratto da: "Il Settimanale") - Per le incompiute si sta provvedendo ad un censimento accurato

Il Settimanale - Come intende affrontare la questione delle incompiute ospedaliere?

Pagano - "Stiamo realizzando un censimento di tutte le opere incompiute che consentirà di verificare, caso per caso, i motivi del blocco dei lavori. In tal modo potranno essere individuate le responsabilità e agire di conseguenza. Inoltre, uno dei nostri gruppi sta chiedendo a tutte le A.U.S.L. notizie sugli investimenti in conto capitale nel campo delle attrezzature ospedaliere. Ritengo importante esercitare un controllo diretto su tali acquisti, attraverso la presenza di un rappresentante del gabinetto dell’Assessorato, secondo una logica di impresa. L’Azienda sanitaria che voglia acquistare le attrezzature dovrà dimostrare di realizzare un investimento "economico", attraverso un piano di ammortamento, un piano finanziario e specificando il bacino di utenza che andrà a servire"

Leggi tutto...

   

La Sanità siciliana

(Tratto da: "Rivista Catania medica") - Intervista al neo Assessore regionale alla Sanità, On.le Alessandro Pagano, sulla Sanità siciliana

Programmi futuri
Dal giorno successivo al mio insediamento ho subito stabilito delle priorità da seguire per recuperare il terreno perduto. Tra queste priorità ho inserito quella delle nomine dei manager, della formulazione del piano sanitario regionale, della razionalizzazione delle spese e della organizzazione sanitaria. Detto così potrebbero sembrare cose semplici, ma credetemi, che già basterebbe esaminare cosa comporta centrare questi obiettivi, per cominciare ad avere qualche dubbio sulla riuscita dell’operazione. La situazione che ho ereditato è veramente pesante ma ciò non mi scoraggia, anzi, forse mi da la forza per tenere alta la concentrazione per l’intera giornata.

Leggi tutto...

   

Nuovo allarme finanziario alla Regione. Pagano: c’è un buco da 1.200 milioni

(Tratto da "Giornale di Sicilia") - La relazione dell’assessore al Bilancio: non cala la spesa sanitaria, pochi proventi dalle privatizzazioni. Scintille sul piano di impiego di 300 disoccupati nei museo

PALERMO - Un miliardo e 200 milioni di euro: è questa, attualmente, la dimensione del buco nel bilancio della Regione. Cifra contenuta in una relazione che l'assessore alle Finanze, Alessandro Pagano, ha preparato e sottoporrà all'attenzione della giunta nel corso della prossima seduta. In quel documento ci sono i conti della Regione, appesantiti (non è una novità) dal deficit della Sanità: 400 milioni di euro nel 2003, ma il problema - rileva Pagano - è che dal trend di spesa dei primi tre mesi emerge che il comparto sanitario produrrà più o meno lo stesso «sforamento» anche nel 2004.

Leggi tutto...

   

Pagina 25 di 25

Cerca nel sito

Appuntamenti

Mese precedente Maggio 2024 Prossimo mese
L M M G V S D
week 18 1 2 3 4 5
week 19 6 7 8 9 10 11 12
week 20 13 14 15 16 17 18 19
week 21 20 21 22 23 24 25 26
week 22 27 28 29 30 31
Nessun evento

Social Network

diventa Amico di Alessandro Pagano su Facebook diventa supporter di Alessandro Pagano su Facebook Alessandro Pagano su You Tube Alessandro Pagano su Flickr Alessandro Pagano su Twitter